PORTUALI DICHIARANO GUERRA A DRAGHI: TUTTI I PORTI CHIUSI CONTRO IL GREEN PASS

Condividi!

Chissà se arresteranno anche loro, dopo questo comunicato.

“L’unica apertura che possono avere nei nostri confronti è togliere il Green pass. Il blocco di venerdì è confermato, oggi ci saranno sorprese perché non si fermerà solo il porto di Trieste. Anche quello di Genova? Non mi fermerei a quello di Genova, quasi tutti i porti si fermeranno. Stasera ne avremo conferma”.

Sono le parole del portavoce dei portuali di Trieste, Stefano Puzzer, che ha annunciato il blocco in vista dell’entrata in vigore dell’obbligo del Green pass per l’accesso al lavoro, prevista venerdì.

Rimarranno aperti solo i porti di sbarco per i clandestini.




12 pensieri su “PORTUALI DICHIARANO GUERRA A DRAGHI: TUTTI I PORTI CHIUSI CONTRO IL GREEN PASS”

      1. Le notizie sono frammentarie e per la maggior parte provengono dalle varie autorità portuali. Trovo che questa situazione sia molto interessante perchè è indicativa di ciò che probabilmente spaventa seriamente i nostri “gestori”: quello che manca è la “concertazione”, il governo ha perso i suoi interlocutori abituali perchè i sindacati sono totalmente avulsi da questa faccenda. Adesso stanno cercando di “rientrare” dalla finestra usando il sindacato dei negri (USB) ma mi auguro che i portuali siano sufficientemente furbi da mandarli a cagare.
        Ecco perchè per sabato attendevano 3000 persone a Roma: si sono fidati di Landini e compagnia che avevano assicurato che non si sarebbe presentato nessuno e hanno snobbato chi eventualmente avvisava che l’aria era cambiata.
        Ormai però Mariolf ha buttato tutta la posta sul tavolo e non si tirerà indietro. Spero che non lo faremo nemmeno noi perchè un’altra occasione di arrivare ai forconi come questa non ci capiterà più.
        E certo non penso che dopo i forconi sarà tutto un paradiso. Forse non cambierà nulla. O magari tutto. Chi lo sa. Però bisogna provare.

          1. No, hai sicuramente ragione. Infatti il nostro “forconare” è un po’ un salto della fede: non abbiamo nessun sistema sostitutivo pronto.

Lascia un commento