Richiedenti asilo sodomizzano bambino italiano e riprendono tutto con il cellulare

Condividi!

A fronte di gravi indizi di colpevolezza evidenziati dalle prime indagini, il gip di Aosta Paolo De Paola ha convalidato l’arresto in carcere per i due fottuti richiedenti asilo pakistani fermati sabato sera con l’accusa di violenza sessuale nei confronti in un bambino italiano di 13 anni.

VERIFICA LA NOTIZIA

I fatti sono avvenuti tra le 17,30 e le 18 di venerdì scorso nei bagni dell”autostazione di Aosta, in via Carrel dove i due, dopo averlo tramortito con l’alcol, lo hanno trascinato a forza in un luogo appartato, praticamente portandolo ‘di peso’, per sodomizzarlo:

PROFUGHI STUPRANO BAMBINO ITALIANO: “ABBIAMO IL PERMESSO UMANITARIO” , SODOMIZZATO AI GIARDINI

In carcere sono finiti Alì Raza, 25enne richiedente asilo e Usama Mazhar (classe ’98), titolare di permesso di soggiorno per protezione sussidiaria. Maledetti buonisti.

Ad accorgersi dello stupro è stata una donna che ha prontamente chiamato le Forze dell’ordine. La polizia è risalita ai due giovani per la testimonianza precisa della vittima, che ne ha fatto i loro nomi (li aveva conosciuti occasionalmente in precedenza) e per le immagini delle telecamere di videosorveglianza della zona.

Secondo gli inquirenti, a carico dei due arrestati vi è anche un indizio schiacciante: un video, trovato sul cellulare di uno dei due, che riprende almeno parte della scena dei violenza.




12 pensieri su “Richiedenti asilo sodomizzano bambino italiano e riprendono tutto con il cellulare”

    1. Si esatto. O sei del PDI o sei fascista senza nemmeno dare spiegazioni. Ecco il loro senso di libertà.
      La fase 1)
      Andare al governo senza elezioni e già questo è dittatura.
      Fase 2)
      Sciogliere e si spera di no, i partiti di opposizione in quanto scomodi. Personalmente non ho mai avuto simpatia per forza nuova, ma dire che tutto il centro destra è da sciogliere, in quanto fascista è oppressivo.
      Allo stesso tempo bisognerebbe sciogliere l’estrema sinistra e tutti i centri sociali che costituiscono il braccio armato della sinistra stessa e che nessuno ha mai accusato di violenza.
      Fase 3)
      Rivoluzione da parte del popolo, se non li fermiamo prima,
      Fase 4)
      Instaurazione del regime filo islamico, perché è quello che vogliono i comandanti.
      Discriminare nessuno, ma sottomettervi a tradizioni, leggi e fede aliene al nostro modo di vivere è un abominio.
      Se non li fermiamo prima, quando i musulmani avranno costituito un loro partito elitario ed identitaria, basato sulla sharia, i buonisti avranno il coraggio di scioglierlo?

  1. Meloni-chan ha appena detto in TV che non vuole avere il mio voto.
    A Giò, “jo soy Giorgia” non si può sentire; e se vuoi essere il capo dei fasci quando parli devi essere un po’ più convinta e magari evitare di mandare a cagare i suddetti fasci.
    A mai più rivederci.

  2. Ah, riguardo alla notizia, guardate che è sospetta.
    Un valdostano per tramortirlo con l’alcol lo devi centrare in testa col barilotto da 25 (almeno) e poi dopo averlo centrato lo convinci a seguirti ai cessi della stazione dei bus, noto ritrovo di vecchie checche. Mah…

    A parte la solita storia di “negri al rogo” eccetera che è sottintesa, il ragazzino è sospetto e rende tale la notizia.
    La vecchia li ha beccati che si spingardavano e ha chiamato gli sbirri in generale, il ragazzino per pararsi quel che resta del culo ha denunciato i due, che evidentemente conosceva benissimo visto che li ha proprio nominati.
    Come sempre solo una ipotesi alternativa molto probabilmente errata. Però…

  3. Bah un ragazzino di 13 anni che si fa abbindolare da 2 negri?, sicuramente figlio di comunisti, sicuramente un finocchio pure lui….. fatto sta che mi piacerebbe proprio capire se, per una checca comunista sono meglio i negri o i fascisti?… voi che dite?

Lascia un commento