Salvini: “Lucano ha cacciato i calabresi per fare posto ai suoi migranti”

Condividi!

“Ieri un tribunale della Repubblica ha condannato a tredici anni di galera il campione dei sindaci di sinistra, quello che era sempre da Fazio, da Santoro, dalla Gruber, il genio che diceva: ‘a Riace in Calabria scappano i calabresi, che problema c’è? Riempio la Calabria di immigrati’. Un tribunale ieri ha detto perché voleva tanto bene agli immigrati, non perché era buono, ma perché rubava sulla pelle di questa gente i vostri soldi, i vostri contributi, le vostre pensioni. Avanti c’è posto per tutti: sì, in saccoccia, in saccoccia”. Lo ha affermato il segretario della Lega, Matteo Salvini, in un comizio a Catanzaro.

Lucano, al di là che abbia fatto sposare o meno vecchi rimbambiti con prostitute nigeriane, e che abbia o meno commesso i reati per i quali è stato condannato, è un criminale.

E lo è perchjé cercare di ripopolare la tua terra con immigrati è, già di per sé, un crimine.

Che poi sia un ‘crimine legale’, solo perché i suoi accoliti erano al governo, e altri sono nei media e nella magistratura: cambia nulla.




2 pensieri su “Salvini: “Lucano ha cacciato i calabresi per fare posto ai suoi migranti””

  1. Il progetto criminale e kalergiano di Lucano a Riace, avviato nel 2004, ha avuto il sostegno finanziario del governo italiano, e da allora ci sono stati anche governi di centrodestra. Quindi di cosa parla Capitan Findus? Il suo partito quando è stato al governo, cos’ha fatto per interrompere il finanziamento di questa porcata? Un cazzo.

    Cioè con i soldi dei cittadini è stata finanziata per circa 15 anni la sostituzione etnica di un comune della Calabria, che come sappiamo è afflitta dal problema dell’emigrazione. Se non c’erano questi soldi pubblici, col cazzo che quei migranti venivano a stabilirsi a Riace.

Lascia un commento