Morisi: “festini gay a base di droga dello stupro con gli immigrati” come i preti di Bergoglio

Condividi!

Ultimamente la Bestia era diventata un po’ troppo buonista e gay friendly. Ora capiamo perché.

Detto che non sono certo i partiti come Pd e M5s a poter fare la morale, viste le inchieste in cui sono protagonisti innumerevoli membri del Partito Di Bibbiano e il figlio di Grillo, organizzare festini gay con ragazzini noleggiati su internet, se confermato, sarebbe cosa indegna. Usiamo il condizionale, perché potrebbe essere tutta una montatura mediatica tesa ad infangare per via indiretta Salvini.

Caso Morisi, la parola chiave potrebbe essere Ghb, la droga dello stupro. E la scena da chiarire resta quella del festino, la notte precedente, con altri quattro uomini nel cascinale. Perché nella fiala incastrata nel cruscotto dei due romeni fermati a un posto di blocco dai carabinieri, la sera del 14 agosto scorso, c’era una sostanza liquida, una droga che secondo i fermati, sarebbe stata data loro dall’ex spin doctor della Lega, Luca Morisi. “Sì, è Ghb – hanno detto subito i due ai militari – ed è stato Morisi a darcela, gratis“. Perché? Saranno comunque le analisi in corso a confermare la composizione chimica del liquido. Succede in una zona isolata del Veronese vicino al casello dell’autostrada A4 Venezia-Milano. Se si tratti di Gbl, la cosiddetta droga dello stupro, o di ecstasy liquida, o di altro ancora, lo stabiliranno le analisi.

VERIFICA LA NOTIZIA

La ricostruzione dei dettagli sull’inchiesta che ha messo nei guai il guru mediatico di Matteo Salvini, di fatto il social media manager che aveva inventato “la Bestia“, comincia proprio da quella sera e da quel che sarebbe accaduto nel cascinale di Belfiore, in provincia di Verona, dove viveva Morisi quando era lontano dalla sua attività romana, e dove tutto sarebbe iniziato la sera prima, durante un festino a base di stupefacenti. Un festino un po’ particolare, a cui avrebbero partecipato tre o quattro uomini, secondo la Repubblica. Uno di circa 50 anni, che da qualche tempo frequentava l’abitazione, un secondo di identità sconosciuta e, appunto, i due ragazzi romeni, che Morisi avrebbe conosciuto su Internet. Secondo la ricostruzione della Stampa il festino sarebbe durato addirittura due giorni.

Ma i movimenti sospetti attorno al cascinale, che ospitava dei lavoratori fuori sede, dove era parcheggiata anche la Maserati Levante di Morisi, non sono sfuggiti ai vicini, che avrebbero udito dei rumori per tutta la notte. Di qui le segnalazioni, che potrebbero avere un nesso anche con il fermo dei due romeni in auto e la scoperta della droga dello stupro. Fermo dopo il quale i carabinieri sarebbero andati a casa di Morisi, trovando anche due grammi di cocaina, quantitativo comunque ritenuto “per uso personale“.

I telefoni di Morisi sono stati comunque sequestrati ed è confermata l’iscrizione nel registro degli indagati dopo che i due giovani lo avrebbero indicato come colui che avrebbe ceduto loro droga liquida, anche se le analisi non hanno ancora confermato il contenuto di quella boccetta. Di certo l’inventore della “Bestia“, il social della Lega che ha consentito a Matteo Salvini di raccogliere decine di migliaia di followers, e voti – è stato costretto a lasciare ogni ruolo nel partito. «Non ho commesso alcun reato» si difende l’ormai ex guru che però ammette: «sono caduto come uomo». E il leader del Carroccio non lo scarica: «ha sbagliato, ma potrà sempre contare su di me».

L’inchiesta, dicono investigatori ed inquirenti, dal punto di vista giudiziario è poca cosa. E aggiungono, per stoppare voci che già circolavano: non c’è stata alcuna attività di monitoraggio dell’abitazione di Morisi. «Un fatto banale», afferma il procuratore di Verona Angela Barbaglio che ha iscritto Morisi per sospetta detenzione e cessione di sostanza stupefacente «sulla cui natura si attende l’esito delle analisi». Morisi intanto ammette di aver usato droga e per questo chiede scusa a tutti, a partire da Salvini ed al suo storico amico e socio in affari Andrea Paganella.

«Non ho commesso alcun reato, ma la vicenda personale che mi riguarda rappresenta una grave caduta come uomo. È un momento molto doloroso della mia via, rivela fragilità esistenziali irrisolte a cui ho la necessità di dedicare tutto il tempo possibile nel prossimo futuro, contando sul sostegno e sull’affetto delle persone che mi sono più vicine». Parole che il leader leghista raccoglie. «Quando un amico sbaglia e commette un errore che non ti aspetti, e Luca ha fatto male a se stesso più che ad altri, prima ti arrabbi con lui. Ma poi gli allunghi la mano, per aiutarlo a rialzarsi. Amicizia e lealtà per me sono la Vita. Ti voglio bene amico mio, su di me potrai contare sempre».

Ma non è tutto: “Sono disgustato dalla schifezza mediatica che condanna le persone senza che ci sia un giudice o un tribunale a farlo, prima che sia un giudice a provare qualsiasi cosa”, denuncia Salvini. “Non conosco la vicenda, sono vicende personali”, ha aggiunto, “Luca e’ una bella persona, e’ un amico che conosco da una vita”. Ci sono giornalisti che sbattono “il mostro in prima pagina”, ha lamentato Salvini, “se poi la settimana prossima uscira’, come sono convinto, che il dottor Luca Morisi non ha commesso alcun reato, chi gli restituira’ la dignita’? Chi gli chiedera’ scusa?”.

Beh, ci sono i reati ma ci sono anche gli atti immorali. E, come vedi, con chi vai a letto conta, Salvini.

Detto che non sono certo i partiti come Pd e M5s a poter fare la morale, viste le inchieste in cui sono protagonisti innumerevoli membri del Partito Di Bibbiano e il figlio di Grillo, organizzare festini gay con ragazzini noleggiati su internet, se confermato, sarebbe cosa indegna.

Qual è la differenza tra la Lega di Salvini e Pd-M5s a questo punto? Che Pd-M5s vorrebbe legalizzare e normalizzare questi comportamenti osceni.




8 pensieri su “Morisi: “festini gay a base di droga dello stupro con gli immigrati” come i preti di Bergoglio”

  1. Nessuno è perfetto, si sa. Ognuno di noi ha le proprie debolezze, però qui si tratta di fatti moralmente gravi, seppur penalmente non rilevanti. Quando nei miei commenti scrivo che l’intera società contemporanea è plasmata dal marxismo culturale introdotto nel Sessantotto, e di conseguenza tutta la politica senza distinzioni di colori e simboli ne è a sua volta plasmata, mi riferisco proprio a queste cose.

  2. adesso come al solito
    si cerca di far passare la vicenda
    come l’unica pecora nera nella lega
    quando in realta nella lega
    il piu pulito c’ha la rogna

    L’unica persona seria nella Lega
    era Francesca Donato
    e la hanno fatta scappare via
    e sinceramente non capisco neanche come sia finita tra quei talebani

    1. Un finocchio non puo’ che appartenere ad un unico partito, quello dei finocchi!, si insidiano in altri partiti per tirare l acqua al proprio mulino, ma un finocchio e’ e resta tale….. come un negro che lo mischi tra 1 miliardo di bianchi , vedi che sempre negro è , cosi un finocchio, lo scopri e capisci perché @ndava dicendo certe cose…… conta pure su Matteo salvini, finocchio

  3. Prosgue l’antica e radicata tradizione omosessuale della destra.
    Abbracciamo il nostro camerata favorito e diamogli un virile bacio, non abbiamo paura di rivendicare le nostre romane pulsioni. Le donne esistono per fare figli, gli uomini per la passione.

Lascia un commento