MIGRANTE AMMAZZA CANE A MANI NUDE E BRUTALIZZA LA PADRONA: ORRORE AD APRILIA

Condividi!

L’immigrato, durante una lite con una donna, ha prima brutalmente ucciso a mani nude il cane della vittima, per poi aggredirla, trascinarla nella propria auto e allontanarsi dalla zona.

VERIFICA LA NOTIZIA

La donna, terrorizzata, minacciata di violenza sessuale e di morte, è riuscita a lanciarsi fuori dal veicolo in corsa.

Vista la scena, un militare del reparto territoriale di Aprilia, libero dal servizio e a bordo della propria autovettura privata, ha prestato immediato soccorso alla donna.

Dopo essersi qualificato come carabiniere, anche il militare è stato aggredito dall’immigrato e colpito al torace e al capo dall’aggressore che si è di nuovo dato alla fuga a bordo della propria autovettura. Il militare dopo aver allertato la centrale operativa, e supportato da un altro collega sopraggiunto, è comunque riuscito a raggiungere e bloccare e arrestare l’assassino.

L’uccisione di un cane o un gatto deve essere punita con molti anni di carcere. Se avesse ucciso il mio io avrei ucciso lui. E sarebbe stata cosa buona e giusta.




4 pensieri su “MIGRANTE AMMAZZA CANE A MANI NUDE E BRUTALIZZA LA PADRONA: ORRORE AD APRILIA”

Lascia un commento