Migrante senza biglietto pesta la capotreno: “Io no pago”

Condividi!

Ennesimo, gravissimo episodio avvenuto ieri a bordo di un treno regionale. I Carabinieri della Stazione di Pontassieve hanno infatti denunciato per resistenza a Pubblico ufficiale, interruzione di pubblico servizio e soggiorno illegale nel territorio dello Stato, un 37enne immigrato, irregolare, già protagonista in passato di episodi simili.

VERIFICA LA NOTIZIA

Ieri pomeriggio, l’immigrato, in viaggio sprovvisto di biglietto su un treno regionale partito da Firenze Santa Maria Novella e diretto ad Arezzo, alla richiesta della capotreno di mostrare il titolo di viaggio ha dato in escandescenze, cercando anche di colpire al volto con un pugno un Carabiniere che, avendo assistito alla scena, anche se fuori servizio, era intervenuto a difesa della donna.

A causa dell’episodio il convoglio è stato fermato alle Sieci, dove sono intervenuti i Carabinieri di Pontassieve, per consentire agli operanti di generalizzare l’uomo e farlo scendere dal treno.

La situazione a bordo dei mezzi pubblici, sia su rotaia che su gomma, è sempre più grave. Sono sempre più frequenti queste aggressioni, da parte di immigrati senza biglietto. Soprattutto quando hanno a che fare con donne.




8 pensieri su “Migrante senza biglietto pesta la capotreno: “Io no pago””

  1. Li vedo spesso sul Firenze-Pisa.
    Quando intravedono il controllore si nascondono nei bagni.
    Quando li beccano li fanno scendere – e le mmerde alzano la voce – ma talvolta ho notato che il controllore fa finta di non vederli (tengo famiglia!) per non chiedere il biglietto.

  2. Queste scene sono la quotidianità.
    Ai clendestini tutti è dovuto. Per loro questo è il paese dei balocchi. No leggi, tutto gratis, pane e figa di compagna bianca. Hanno la protezione di bergoglio e della merdaglia catto-comunisti-pentacagata. Ma arriverà il giorno che li faremo capire chi è padrone a casa proprio. Delinquenti provate a non pagare il biglietto a casa vostra.

    1. Condor,ma hai mai visto come viaggiano al loro paese?Mettono su qualche sedia sul pianale di un bilico,una poltrona raccattata chissà dove per chi paga di più,fanno salire decine e decine di merdosi e merdose,un telone sopra per non bagnarsi se piove e poi partono.Per la strada te ne accorgi se è passato un trasporto dalla puzza.Se non pagano il biglietto li suonano come tamburi.Dove arrivano arrivano.E li lasciano a terra.

Lascia un commento