L’Aids sui barconi, metà popolazione contagiata: “SONO BOMBE UMANE IN ITALIA” – VIDEO

Condividi!

Pensate che strano, a Castel Volturno, cittadina ex paradiso turistico ora occupato da decine di migliaia di africani, compresi i clandestini sono più degli italiani, dilaga l’Aids.

“L’Aids dilaga e nessuno sembra accorgersene, proprio ieri una ragazza minorenne ha scoperto di essere sieropositiva e incinta”. Su 100 persone, 40 sono sieropositive. Siamo a Castel Volturno, dove le vittime di tratta si prostituiscono per 10 euro a un chilometro d’aria dal centro sportivo del Napoli, dove i calciatori guadagnano fino a 10 milioni di euro. Qui negli anni ’80, stando alle confessioni dell’ex boss Augusto La Torre, i Casalesi avevano deciso di ammazzare un nero al giorno per dare un segnale allo Stato. “Lo Stato doveva cacciare gli immigrati, altrimenti avremmo fatto una strage”.

Purtroppo non è andata così. E ora in zona dilaga il contagio.

A Castel Volturno l’Aids dilaga ma nessuno sembra accorgersene. Su 100 persone, 40 sono sieropositive. Qui la mafia nigeriana ha fatto scappare i Casalesi, o meglio, i casalesi hanno capito che collaborare insieme è molto più redditizio, facendo prostituire minorenni per 10 euro a 1 chilometro di distanza dal centro sportivo del Napoli, dove i calciatori guadagnano fino a 10 milioni. Qui è dove migliaia di italiani non trovano pace dal terremoto dell’Irpinia.

VERIFICA LA NOTIZIA

[…] i casalesi ti sparano, i nigeriani ti fanno a pezzi, letteralmente. Sono molto più violenti. Lo vediamo anche con le prostitute che aiutiamo. Già convincerle a fare il test HIV è un’impresa, per loro è proprio un tabù. Sono così impregnate di superstizioni legate al vodoo, che hanno paura ad avvicinarsi al ginecologo. Spesso le loro magnaccia sono donne, e le “gran maman” sono capaci di mutilarti e torturati all’istante. È una violenza continua, fisica e psicologica. Per liberarsene bisogna pagare un riscatto di 60 mila euro e per farlo le donne sono costrette a prostituirsi e gli uomini a spacciare.

Questi soldati e puttane della mafia nigeriana sono arrivati coi barconi trainati in Italia dallo Stato. Basterebbe bonificare la zona e caricare su aerei militari. Come dimostra il ponte aereo da Kabul, in un mese hai rimpatriato tutti i clandestini nigeriani che occupano Castel Volturno. Problema risolto.

Invece sono tra noi e sono infetti. Non è una sorpresa visto che provengono da zone dove l’Aids è endemica e non cambiano comportamento perché si trasferiscono o nascono e crescono qui. Altrimenti Haiti sarebbe ricca come le Bahamas.

VERIFICA LA NOTIZIA
Del resto, dall’inchiesta sulla nave dei veleni di Medici Senza Frontiere, che ora continua a sbarcare con la Ocean Viking, abbiamo scoperto che in 2 anni sono sbarcati oltre 50mila clandestini infetti:

Sbarcati 50mila infetti: “70mila senza controlli, esami vietati dalla Costituzione” – VIDEO

Molti di loro avevano l’Aids. Ma non lo sapremo mai. La “Costituzione vieta di fare loro gli esami del sangue”.

Che l’Aids arrivi – anche – sui barconi, ce lo conferma uno studio diffuso dall’associazione Anlaids:

Sbarcano infetti: 65% positivi ha l’Aids prima di sbarcare

Infatti, circa i due terzi degli africani sub-sahariani in cura per AIDS analizzati era infetto da HIV già prima di arrivare in Italia.

Visto che chi questi anni è arrivato sui barconi era al 90% sub-sahariano, significa che circa i due terzi di chi sbarca ed è infetto con l’Aids lo era già prima di arrivare in Italia.

Sono numeri sconvolgenti.

Numeri confermati dall’importante e compianto immunologo Aiuti, che tempo fa lanciò l’allarme Aids tra gli immigrati africani presenti in Italia:

AIDS, l’allarme: «Immigrati pericoloso focolaio epidemia»

Del resto i numeri non mentono. In Italia, l’Aids è prettamente una malattia di immigrati e omosessuali. Spesso sono i primi che infettano i secondi attraverso rapporti promiscui e non protetti.

In Italia si registrano 3.500-4.000 nuove diagnosi di infezione da Hiv all’anno. L’identikit di chi contrae l’HIV e poi l’Aids abbraccia tre grandi categorie: nel 40% dei casi si tratta di omosessuali maschi fra i 20 ed i 35 anni; un’altra fascia altrettanto ampia riguarda donne eterosessuali migranti, in questo caso l’età si abbassa ai 18-25 anni. Il restante 20% dei contagi riguarda eterosessuali, uomini e donne in egual misura, che hanno un’età fra i 40 e i 60 anni. Significa che i migranti sono 10 volte più infetti con l’Aids degli italiani.

E non mentono neanche i numeri che arrivano direttamente dalla Libia. Il direttore delle forze di contrasto all’immigrazione clandestina di Kufra, nella zona sud-orientale della Libia, al Fadhil, ha denunciato che i suoi uomini hanno riscontrato innumerevoli “casi di Aids tra gli immigrati presenti nei centri di detenzione”.

Parlando al giornale libico “al Wasat”, al Fadili aveva spiegato che “di recente la Mezzaluna rossa locale ha svolto le analisi del sangue su 1050 migranti illegali presenti a Kufra. E’ emerso che in 400 hanno il virus dell’Hiv. Molti altri hanno l’epatite B. Provenivano per la maggior parte da paesi con un basso livello di istruzione e sono stati tutti rimpatriati”. Praticamente la metà.

Insomma, secondo questi dati, la metà di chi sale sui barconi sarebbe infetto.

E sono dati confermati da quanto avviene sui punti di sbarco dei clandestini.

Nel corso del 2017 all’ospedale Civico di Palermo, centro di riferimento regionale per la Sicilia per le malattie sessualmente trasmissibili, sono stati 65 i nuovi casi di Aids riscontrati. Un dato in incremento rispetto agli scorsi anni: nel 2016 erano stati 53, 42 nel 2015, 34 nel 2014, 20 nel 2013. E in ogni caso un dato come quello dell’anno appena concluso non ha precedenti almeno dal 2009. Un trend in linea con quello siciliano. I numeri, in questo caso, si riferiscono al 2016, ultimo aggiornamento del registro regionale. In quell’anno le nuove diagnosi di infezione da HIV in Sicilia furono 274. Quasi il doppio di quelle di appena sei anni prima: nel 2010, infatti, i nuovi casi riscontrati erano stati 143 con una crescita praticamente costante anno dopo anno.

Dati confermati anche da altri studi, che però, a differenza di quelli in Libia, non prendono in considerazione tutti quelli che sbarcano:

EPIDEMIA DI AIDS TRA I PROFUGHI, ALMENO 1 SU 4 E’ INFETTO

Del resto basta guardare una cartina dell’Africa con il numero di infetti per rimanere allarmati:

In Nigeria, ad esempio, sono milioni. E sono quelli che salgono sui barconi.

E allora, cosa fare? Bloccare gli sbarchi e distribuire preservativi e medicine a pioggia in Africa. Questi sono i veri aiuti, non i soldi che finiscono nelle piscine dei presidenti africani.

Non solo. Obbligo di test per malattie infettive a chi richiede il visto per l’Italia da Paesi ad alta incidenza epidemica. Che stiamo aspettando?




6 pensieri su “L’Aids sui barconi, metà popolazione contagiata: “SONO BOMBE UMANE IN ITALIA” – VIDEO”

  1. Se per il covid esiste più o meno un vaccino, per l’HIV no. Non di te che tutte le donne che hanno l’HIV sono prostitute o perché vanno con chiunque. Il problema è che i clandestini consapevoli o meno del loro stato di salute, quando agguantani una preda, perché così siamo viste, vanno al sodo, cioè alla copulazione diretta, senza tanti complimenti, per dare adito ai loro istinti carnali e tribali. Lady boldrini e lady ovunque, prima di inginocchiarci ai BLM, pensate a quante vittime ha creato, crea e creerà il vostro stile di vita. BLMDN, cioè Bianchi Lasciati Morire Dai Neri. Anche I bianchi possono avere l’HIV, ma non hanno l’istinto predatori o come certi clandestini.
    Comunque noi siamo gli infedeli che vanno sterminati con qualsiasi mezzo.

    1. il vaccini per l’IDS lo stanno cercando da 40 anni e non lo hanno ancora trovato adesso.In compenso ci sono code del virus HIV nel covid 19.Per quanto riguarda la diffusione dell’aids in africa e particolarmente in Togo e Nigeria avviene perché è nel loro DNA.Se non lo facessero la razza Nigeriana non andrebbe avanti più di 10 anni.

  2. I ne(g)ri sono portatori naturali di HIV, perché non appartengono al genere umano. E’ un dettaglio che viene nascosta per incentivare il puttanismo delle donne bianche al fine di farle congiungere sessualmente con loro. Ma a prescindere da ciò, le donne bianche che si fanno sfondare dai ne(g)ri costituiscono un pericolo sotto il profilo igienico-sanitario, perché essendo diffuso il disordine sessuale favoriscono la diffusione delle malattie veneree nella nostra popolazione, poiché avendo ormai la patacca negrificata e sifilitica esse infettano eventuali partner bianchi successivamente conosciuti.

    1. Come ragionamento non c’è male…..Non hai soggiornato da quelle parti a lungo.In Africa,e particolarmente in Nigeria,tra cannibalismo diffuso,malattie endemiche,tra le quali spiccano sifilide,aids,gonorrea,ulcera molle,è una delle nazioni più impestate di tutto il continente africano assieme al Togo.Qua si parla(stime dell’OMS)di almeno il 90% della popolazione.Per quanto riguarda il caso Castel Volturno diamo tempo al tempo.Da quelle parti è galantuomo basta saper attendere per sfoltire i ranghi.Rimane solamente il fatto che sulla Domiziana le puttane negre sono tutte impestate.E mi spiace vedere italiani che se le fottono alla grande.Ce ne era una di Milano,poi,che per lei andare con un italiano era una cosa illogica…..Figa negrificata alla grande…Voleva solo minkie nere.Quella giusta che l’ha impestata l’ha trovata.Adesso non fotte più.

      1. A Milano mi sa che non sono poche le troie negrificate. Un mio amico mi ha raccontato che ha assistito ad uno dei tanti programmi televisivi spazzatura, trasmesso su Real Time (Discovery Italia), in cui uno di questi ne(g)ri sbarcati dopo il 2011 e mantenuto come profugo a spese nostre, cercava l’anima gemella. Questi abita a Milano e ha dichiarato che da quando è in Italia ha scopato con 100 donne diverse. Magari ha trovato per strada diverse troie che gli hanno allargato le gambe, ma sono dell’idea che 100 sono comunque troppe e che magari questa cifra gliel’hanno suggerita gli autori del programma per fare la solita propaganda di esaltazione del maschio negroide.

        Ciò però non toglie che il problema della negrificazione delle nostre donne ha raggiunto livelli abnormi e insostenibili. Il tutto, con la grave indifferenza e accondiscendenza della maggioranza di noi uomini. Soprattutto poi da quando sono stati accolti tutti questi maschi ne(g)ri come profughi, la situazione è certamente peggiorata. Io ho trovato articoli che parlano di donne mature italiane che vanno apposta nei centri di accoglienza per farsi scopare da loro. Il fenomeno esiste e magari viene enfatizzato, ma esiste e perciò va combattuto, non subito. Invece, siccome la stragrande maggioranza degli uomini europei contemporanei sono degli smidollati che per non essere presi per “razzisti”, il fenomeno viene subito.

        Invece, per noi uomini bianchi, impedire alle donne bianche di farsi sfondare da ne(g)ri e affini, ed emarginarle dalla società qualora lo sono già state, è un dovere morale che dobbiamo assumerci, è una questione di onore, di dignità e di principio.

Lascia un commento