Sangue sui cofani e vetrine rotte. Tunisini padroni hanno distrutto tutto, Italia in fuga: “Cambiamo casa”

Condividi!

Sangue sui cofani e vetrine rotte, nella strada della paura si contano i danni. I residenti: “Cambiamo casa”. Gli immigrati di Lamorgese cacciano gli italiani dai quartieri. IL degrado sta spopolando le città e le sta ripopolando di feccia nordafricana arrivata coi barconi.

Una strada ferita. Arrabbiata. Impaurita. Che chiede aiuto e conta i danni. Il giorno dopo la guerriglia tra bande che ha sconvolto la città, il fazzoletto di strade tra via Buontalenti, via del Fante e via della Coroncina è ciò che resta di un campo di battaglia: il sangue di chi è stato ferito negli scontri a colpi di coltelli, spade, spranghe, bastoni, è ancora appiccicato ai cofani delle macchine parcheggiate. I pezzi di vetro sono ovunque e formano tappeti verdi, appuntiti, lungo i marciapiedi. Sono i resti delle bottiglie che nei video ripresi dai residenti affacciati alle finestre durante i dieci minuti di delirio, si vedono lanciare da una parte all’altra. E poi ci sono le auto che hanno avuto la peggio: lunotti in frantumi, fiancate ammaccate.

Un carrozziere è arrivato da Stagno per sistemare l’utilitaria di una signora che abita nel palazzo sull’angolo, l’epicentro degli scontri, è non ha nessuna voglia di parlare. «Ci vorrà un bel po’ per sistemare tutto», ripete mentre ripara il parabrezza.

Cinquanta metri più avanti Stefano Fornaciari, 54 anni, è sull’uscio della ferramenta che gestisce da trent’anni. Fuma una sigaretta e guarda lo scempio che ha davanti agli occhi. «Ieri sera ho sentito gli spari. Sa oltre ad avere il negozio qui, ci abito pure. È stata una cosa sconvolgente. Certi livelli di criminalità qui non si erano mai visti. Io credo che siano bande che stanno dietro, alle spalle dei Fossi. Ormai si sono spartiti il territorio: di là da piazza delle Repubblica ci sono marocchini e senegalesi, di qua i tunisini. In trent’anni ho visto questa zona cambiare. E purtroppo in peggio. E questo incide anche sul lavoro che inevitabilmente è calato».

Alessio, «il cognome per favore no», ha le chiavi di casa in mano. Abita col figlio e la moglie in un palazzo che si affaccia su via Buontalenti. «L’altra sera – ricorda – è stato come essere dentro a un film. Ma era la realtà. Ma questo è solo l’ultimo e più preoccupante degli episodi. Ecco perché siamo esasperati. Tra noi residenti abbiamo anche una chat. Da ieri è tutto uno scrivere: siamo esasperati perché in questa zona ormai è anarchia totale. Vale tutto. Le dico solo che per tutta l’estate tra le tre e le cinque del mattino è stato uno smarmittio di motorini, perché decine di ragazzi facevano colazione al forno qui sotto. E ovviamente noi non abbiamo mai dormito».

Se questo è il contorno ecco che mercoledì è arrivata l’apoteosi. «Davvero – ripete – certe cose non si vedono nemmeno nei film. Io sto qui da dieci anni, ma appena mi capita vado via. Sempre che riesca a vendere la casa a qualcuno. E dire che quando ci siamo trasferiti era una zona dove si viveva bene. Poi tutto è precipitato. Il problema è che non ci sono controlli. L’unica soluzione che vedo è mettere una pattuglia fissa per 24 ore al giorno che fa la ronda tutta la notte. Le dico solo l’ultima cosa – dice mentre saluta il titolare della pizzeria all’angolo – per farle capire la situazione: l’altra sera dopo l’apocalisse davanti al bar c’erano una decina di clienti ubriachi che non volevano andare via. Alla fine sono dovuti intervenire i carabinieri che stavano facendo i rilievi».

Claudia Catelani, dipendente del negozio Voliani, ha il dente avvelenato. «È tutto il centro a essere abbandonato. Durante Effetto Venezia stioccano il palco in mezzo a piazza della Repubblica per una decina di giorni e poi durante l’anno mai nulla. Abbiamo chiesto un intervento, ma nessuno ci ha risposto, di conseguenza tutto va in malora. E la notte questa zona è terra di nessuno. Prendiamo piazza Garibaldi hanno messo una camionetta dell’esercito che sta dalla parte opposta. Il risultato è che gli spacciatori si spostano dall’altra parte. Non devi essere El Chapo, il re del cartello della droga, per capirlo. Infatti quando chiudo alle sette qui c’è già ariaccia». Chi più degli altri difficilmente scorderà la notte della guerriglia è Matteo, titolare di Viktor, locale che quando mercoledì è iniziato il delirio era ancora aperto. «Eravamo asserragliati qua dentro con qualche cliente. Alla ragazza incinta ho detto di chiudersi in bagno. Devo ammetterlo, abbiamo avuto paura anche perché non avevamo vie di fuga. Eravamo circondati da criminali e le forze dell’ordine non arrivavano mai. Però quando devono fare due multe sono tutti rapidissimi, ma l’altra sera da queste parti c’erano criminali veri». La conta dei danni la sta ancora facendo: «Mi hanno spaccato tra tavoli e sedie una dozzina di oggetti, ma quello è il minimo. Ciò che mi spaventa è l’immagine per il quartiere. Ce la vedete la gente che dice: “Perché non si va a fare una bevuta nella via della sparatoria? Forza, portiamoci anche i bimbi…”».

Votate Pd e M5s, dementi. L’immigrato si ferma alla frontiera, poi è tardi.




8 pensieri su “Sangue sui cofani e vetrine rotte. Tunisini padroni hanno distrutto tutto, Italia in fuga: “Cambiamo casa””

  1. La tanto bistrattata white flight, totalmente stigmatizzata dai democratici americani tanto ansiosi di far mescolare gli altri mentre loro vivono in zone a maggioranza bianche e, spesso, recintate, sta arrivando anche qui. Bel segno…

  2. come se ne arrestano qualcuno
    e si risolve il problema

    forse qui non si e’ capito
    che in Nigeria
    hanno trovato mercati popolari
    in cui si vende carne umana,
    insieme alla carne degli altri animali

    e se ne hanno trovato uno, chissa quanti altri ce ne sono

    ilgiornale.it/news/cronache/orrore-ristorante-serviti-hamburger-carne-umana-1131614.html

    questi fra poco,
    cominceranno a mangiarsi i leghisti

  3. I tunisini sono africani ed islamici non possiamo illuderci di integrarli e di farli comportare civilmente. Nel Maghreb la civiltà non ha mai albergato.
    O siamo in grado di educarli bastonandoli a sangue oppure, eliminiamo il problema alla radice, respingiamoli; tertium non datur.

  4. Ha ragione Hieronymus, visto che per la loro natura derivante dal corano, difficilmente sono integrabili e solo una minima parte, che non è quella arrivata con i barconi negli ultimi anni. Se non si vogliono educare l’unico modo è rispedirli a casa. Noi italiani non dobbiamo abbandonare le nostre città o paesi, perché anche se loro le occupano, si trasferiranno a fare danni dove ci saremo noi. Sì, perché loro sono come cavallette, non sanno fare nulla se non distruggere.

Lascia un commento