Toghe rosse invitano il capo indagato dell’ONG di Casarini al loro convegno: celebrano sbarchi a champagne

Condividi!

L’armatore della nave negriera di Casarini, quel Metz che celebrava a champagne il bonifico per avere scaricato in Italia clandestini, invitato al seminario di Md, sebbene accusato di traffico di clandestini da un magistrato onesto. Del resto, le toghe rosse ora hanno anche una propria ong presieduta dall’ex toga golpista di Mani Pulite.

Festeggiavano a champagne:

INTERCETTAZIONI INCHIODANO ONG CASARINI: “COI SOLDI FESTEGGIAMO A CHAMPAGNE”

Ora festeggiano a champagne insieme alle toghe rosse. Cancro nella magistratura.




4 pensieri su “Toghe rosse invitano il capo indagato dell’ONG di Casarini al loro convegno: celebrano sbarchi a champagne”

  1. A partire dal 2023 il governo di destra potrà elaborare la riforma costituzionale che renda elettivo il Potere Giudiziario.
    Le idee dei Magistrati devono essere giudicate nel seggio elettorale dai Cittadini.
    Certi politici non sarebbero più processati per aver mantenuto le promesse elettorali né i delinquenti rimarrebbero impuniti qualora s’insediassero dei giudici che dovessero rendere conto al Popolo del loro operato.

    1. Concordo. Tuttavia, prima di allora, occorre annotare l’operato di deputati, senatori e ministri; chi ha proposto disegni di legge e i firmatari, e riunirli per schieramento politico. Informarsi su interessi (non alludo ai diporti…) e frequentazioni e percorso politico. Tutto ciò, per sapere in anticipo che pesci sono i candidati e chi li ha espressi, sì da non lasciarci incantare dal viso pulito e sbarbato del “nuovo che avanza”. È faticoso ma necessario: il prezzo della libertà è l’eterna vigilanza”. Noi non abbiamo vigilato, e ci ritroviamo con gli oligarchi etero-diretti da potentati stranieri.

Lascia un commento