Duemila infermieri si contagiano nonostante il vaccino: 50 al giorno

Condividi!




7 pensieri su “Duemila infermieri si contagiano nonostante il vaccino: 50 al giorno”

  1. 🤣🤣🤣 coi primi freddi i vecchietti fragili per i quali siamo stati a casa un anno e mezzo verranno demoliti a tutta forza dal coronavirus come dalla normale influenza 😀😀😀 sarà l’inverno del massacro!!!

  2. Cmq per chi si ammala proviamo dispiacere, non ci si dimentichi che gli infermieri per lavorare sono stati obbligati a vaccinarsi, e non tutti hanno la possibilità di dire sto a casa..e non lavoro, come Campano?
    Altro discorso è il gaypass, l unica per avere qualche speranza di contenere il diffondersi del vAiRus e’ fare tamponi da 75 centesimi l uno a tutti ogni 2 giorni beccare gli ammalati isolarli ed applicare la terapia domiciliare immediatamente, non quella della supercazzola di speranza aspirina e vigile, vigile attesa di che?, da uno che quando e’ lucido dorme? se una trave sta per collassare la puntelli , non stai a vedere in quanto tempo cadra’, perche’ se e’ lesionata cadra’ eccome, ieri e’ morto di infarto un mio amico, mio suocero , l altro ieri, ha subito un bypass al cuore….sono dispiaceri che lasciano basiti, perché giungono davvero in maniera inaspettata, tu sai che quel momento arrivera’ ma a quel momento uno non ci pensa mai……. la vita va avanti nonostante tutto, ciao Filippo che la Madonna ti illumini e ti protegga!

  3. Infatti, “vaccinati” da oltre un anno… Altro che “fatevi il vaccino che è sicuro: del resto, gli effetti collaterali devono accadere entro in sei mesi”… Da qua al 2023, tra 300 richiami e nuove varianti… E i boccaloni che li votano abboccano. Tanto, ci sono i negri a sostituirli.

Lascia un commento