Mohammed, sbarcato a Lampedusa ha violentato bimba di 10 anni

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Vi raccontiamo la storia di Mohammed, uno dei tanti clandestini che sbarcano ogni giorno a Lampedusa. Come sappiamo, molti di loro commettono reati appena arrivati, sulla stessa isola. Comprese violenze e molestie.

Lui, marocchino 28enne, aspettò di arrivare a Ventimiglia per violentare una bimba di 10 anni.

All’africano venne contestato il reato di violenza sessuale aggravata, rintracciato pochi minuti dopo l’episodio avvenuto di sera a Ventimiglia. E ne riparliamo oggi, non solo perché è importante non dimenticare, ma anche perché, da quanto ci risulta, non è mai stato espulso. 

Proprio come il somalo di Rimini. Come altri milioni di criminali che sciamano, giorno e notte, nelle nostre strade.

Furono i Carabinieri a trovarlo, da solo ed a poca distanza dal luogo dall’accaduto.

Dai successivi accertamenti emerse che il marocchino era arrivato pochi giorni prima a Lampedusa e dopo breve tempo si era diretto a Ventimiglia con l’intenzione di andare oltre confine, in Francia. Non prima di prendersi qualche ‘soddisfazione’.

L’immigrazione è uno stupro di massa. Sono le Marocchinate 2.0




6 pensieri su “Mohammed, sbarcato a Lampedusa ha violentato bimba di 10 anni”

  1. In Iran,ne avevano beccato uno di loro che aveva violentato una donna e la sua bambina.Lo hanno beccato e lo hanno buttato dentro al famigerato carcere di Shiraz….Torturato fino al punto di morte.Poi guarito e ritorturato ancora dopo mesi dalla sua guarigione.Avanti cosi per mesi e mesi.Quando il giudice decideva che era tempo di morire(questo me lo hanno raccontato gli iraniani)lo hanno impiccato nel carcere.Lo hanno poi seppellito in terra scaosacrata con la testa mozzata e data in pasto ai cani.Il corpo seppellito per sfregio con la schiena rivolta a alla mecca.Queste sono le pene per chi violenta donne e minori.Ai paesi loro.Da noi vengono liberati nel giro di qualche ora.

    1. in Iran cosi come in ogni altra parte del mondo
      ci sono 20% di persone
      ed 80% di macachi, allevati con la religione ed indottrinamenti vari.

      Joseph Goebbels che fu l’ideologo del terzo reich
      e GENIO della propaganda
      definito da Brunhilde
      l’ unico vero intellettuale in quella massa di disadattati che componevano la cerchia intima di Hitler
      diceva:

      “Che senso ha il cristianesimo oggi?
      Il Nazionalsocialismo è una religione.
      Quello che ci manca è un “genio religioso” capace di sradicare le pratiche religiose antiquate mettendone delle nuove al loro posto.
      Ci mancano tradizioni e rituali ma un giorno, molto presto, il nazionalsocialismo sarà la religione di tutti i tedeschi.
      Il mio partito è la mia chiesa, e io credo di servire il Signore al meglio quando metto in pratica la volontà del mio partito, liberando il mio popolo oppresso dalle catene della schiavitù. Questo è il mio Vangelo.“

        1. anche un Islamico, penserebbe
          che un ateo o individuo di altra religione
          e’ un malato mentale da curare e convertire.

          e’ un fatto inquitante
          che i talebani hanno una fisiognomica
          molto simile ad i leghisti

          qui c’e solo da unire i puntini.

Lascia un commento