11-9 ORGANIZZATO DAI SAUDITI CHE FINANZIANO LE MOSCHEE IN ITALIA: LE PROVE NEI FILE DECLASSIFICATI

Condividi!

Ma siccome si sono comprati i politici occidentali, compreso un senatore, allora i cattivoni sono i talebani e non loro. Nonostante i talebani non finanzino l’islamizzazione dell’Italia e, anzi, si facciano i cazzi propri.

Ne abbiamo già scritto:

Ci sono le prove del sostegno da parte del governo saudita per due dei dirottatori che si stabilirono all’epoca nel sud della California.

Su CBS News “60 Minutes” , i funzionari che hanno familiarità con il rapporto del 2003 che ha 28 pagine di informazioni ora desecretate, accusano : funzionari sauditi sono stati coinvolti nell’assistenza a Nawaf al-Hazmi e Khalid al-Mihdhar, al loro arrivo a Los Angeles nel gennaio del 2000.

L’ex deputato democratico e ambasciatore degli Stati Uniti in India Tim Roemer ha detto a “60 Minutes” che i due cittadini sauditi hanno trovato assistenza e l’accesso a lezioni di volo nonostante “le competenze linguistiche estremamente limitate e nessuna esperienza con la cultura occidentale.”

“LA e San Diego, sono un nido di vespe”, ha detto Roemer.”Questo è davvero quello che continuo a pensare quasi ogni giorno.”

Nel rapporto c’è la prova che sia al-Hazmi che al-Mihdhar si sono incontrati presso la moschea King Fahad a Culver City con Fahad al-Thumairy, “un diplomatico del consolato saudita noto per le sue opinioni estremiste”. Al diplomatico è stato poi negato il rientro al degli Stati Uniti nel 2003 per sospetti legami terroristici.

Thumairy era un “un dipendente fantasma con un lavoro no-show presso un imprenditore dell’aviazione saudita fuori Los Angeles mentre percepiva uno stipendio da parte del governo saudita”, secondo il rapporto. Funziona così con le spie che fingono di essere diplomatici.

“60 Minutes” ha anche citato tabulati telefonici che i legislatori affermano colleghino Thumairy ad  Omar al-Bayoumi, un misterioso saudita che è diventato il più grande benefattore dei dirottatori.

L’ex senatore Bob Graham crede Bayoumi fosse un agente saudita: “era, prima ancora dell’ 9/11, negli elenchi dell’Fbi come agente saudita.”

VERIFICA LA NOTIZIA
L’11-9 è stato organizzato da ampi settori del governo saudita. Tutto questo è stato messo a tacere dall’amministrazione Bush prima e Obama poi, perché avrebbero dovuto bombardare Riad e la Mecca, non Kabul o Baghdad: e non si poteva fare.




6 pensieri su “11-9 ORGANIZZATO DAI SAUDITI CHE FINANZIANO LE MOSCHEE IN ITALIA: LE PROVE NEI FILE DECLASSIFICATI”

  1. Se non ci fossero mussulmani, non ci sarebbero attentati.
    Bisogna espellerli dall’Occidente, non impelagarsi nelle loro nazioni. Né gli Americani né gli Europei lo hanno capito.
    Ecco un dei motivi per cui i Cinesi sono diventati baldanzosi.

    Nel 2023, il governo di destra dovrà ritirare tutte le truppe dall’Iraq e dal Libano e schierarle in Venezia Giulia.
    Infine, le espulsioni di massa non le potremo effettuare fintantoché non avremo le bombe atomiche.

  2. ”Nonostante i talebani non finanzino l’islamizzazione dell’Italia e, anzi, si facciano i cazzi propri.”

    Non la finanziano perché non hanno i soldi, tuttavia anche loro vogliono costituire il Gran Califfato planetario.

  3. a venti anni dalla strage delle Torri di New York si sta ancora parlando di dirottatori, oltretutto poco esperti nel pilotare aerei avendo avuto qualche ora di scuola guida. Ma come mai non si sono mai trovati rottami di aerei, pezzi delle ali, quando si è proceduto alla pulizia dei calcinacci e delle rovine? hanno trovato scarpe, cellulari, corpi ma di rottami aerei neanche l’ombra? e come mai non hanno mai mostrato scene di disperazione dei parenti degli ipotetici passeggeri degli aerei o interviste? li mostrano sempre: mi ricordo anche quando sono scomparsi gli aerei malesi le scene strazianti dei parenti nelle sale d’attesa. Qualcosa non quadra e non ci è stata detta la verità!

Lascia un commento