Rimini, il somalo respinto da tutta Europa e messo in hotel da Lamorgese

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Fuggito dal paese d’origine, la Somalia, e arrivato in Italia dopo un peregrinare europeo, ospite qua e là, soprattutto in Svezia. Respinto da tutti, non da Lamorgese e dai buonisti a scrocco della Croce Rossa.

Carattere violento e coltelli da cucina nello zaino da una parte e richiesta già compilata per chiedere lo status di rifugiato.

Somale Eduula, 26 anni, al momento era ospite di una struttura della Croce Rossa della Riviera Romagnola, territorio già provato da un’estate di violenza afroislamiche, con i vandalismi di bande giovanili di figli di immigrati che la sera sciamano per devastare, rubare e pestare.

Tanto da aver fatto convocare più di un inutile tavolo d’emergenza fra sindaci e una letterina del governatore Bonaccini al proprio governo.

L’aggressore, secondo quanto ricostruito, era ospitato in una struttura della Croce Rossa e secondo alcune testimonianze aveva manifestato una personalità violenta e aggressiva.

Il somalo era arrivato da alcuni anni in Europa, appunto, ed era stato in altri paesi prima di arrivare in Italia. Qualche mese fa aveva presentato domanda per lo status di rifugiato. Domanda che, dicono i media, “ora sembra difficile da accontentare”. Sembra!

Si trovava però in Europa dal 2015 e aveva già fatto domanda per lo status di rifugiato in Danimarca, Svezia, Germania e Olanda

L’hanno respinto tutti. Tranne i buonisti di casa nostra. Assassini.




6 pensieri su “Rimini, il somalo respinto da tutta Europa e messo in hotel da Lamorgese”

Lascia un commento