Ha ragione Salvini: il vaccino seleziona varianti sempre più aggressive

Condividi!

“Le varianti” covid-19 “nascono come reazione al vaccino”. Ad affermarlo il leader della Lega Matteo Salvini. Da Galli a Bassetti, immediata la replica dei sedicenti ‘esperti’.

Non serve essere virologi per conoscere la legge sull’evoluzione, che presiede su tutta la natura. Se in un parco abbiamo leoni feroci e si decide di eliminarli attraverso l’immissione nello stesso parco di serpenti velenosi, ad un certo punto scopriremo che a sopravvivere saranno solo i leoni resistenti al veleno che poi si moltiplicheranno dando vita ad una genia di leoni resistenti al veleno.

Questo vale per tutto. Virus compresi. Anzi, per i virus vale anche di più, visto che la loro vita e replicazione sono ovviamente infinitamente più veloci di quella di un mammifero.

I vaccini, soprattutto nella forma in cui è stata gestita la vaccinazione di massa, non possono che generare varianti sempre più aggressive.

C’era solo un modo di eliminare il virus: vaccinare tutti in un periodo brevissimo. Così da soffocarlo. Non certo con due dosi a distanza di mesi, dando così tutto il tempo al virus di replicarsi.

Quindi, non è il vaccino in sé il problema, ma la vaccinazione di massa in piena pandemia. Come ha spiegato meglio di noi il Nobel Montaigner.




16 pensieri su “Ha ragione Salvini: il vaccino seleziona varianti sempre più aggressive”

  1. beh lo sanno tutti e lo scrivono tutti su tutti i tipi di social anchequalche giornalone non tanto affiliato al clan vaccinico!

    Vabbeh ma il referente del Gran.Duc. Salvieni è il governo libero di Israele , si consultasse con i suoi paria , tra l’altro davvero molto piu avveduti e competenti delle star vips italiche!

  2. Io ho capito solo che anche chi non si è vaccinato, dovrà vaccinarsi.
    Almeno per contenere gli effetti delle variabili più aggressive.
    Questo ho capito dall’articolo.
    Vorrei tanto sbagliarmi.

    1. Il punto è che l’unico modo per abbattere un virus è la vaccinazione totale in brevissimo tempo, il che è impossibile. Non è un caso che la scienza medica affermi chiaramente che NON si vaccina durante un’epidemia (men che meno durante una pandemia).

      Il metodo che stanno usando (con terapie geniche che NON sono vaccini, anche se si guardano bene dal chiarirlo una volta per tutte) è controproducente ed è proprio il responsabile della mutazione del virus.

      Se invece di buttare via miliardi in terapie geniche si fossero concentrati sulle cure (che esistono) e sul potenziamento del sistema sanitario (non sia mai, l’UE non vuole) probabilmente avremmo dovuto affrontare solo il ceppo originario che, per natura, avrebbe finito con il diventare endemico.

      Tutto questo chiaramente non ha niente a che fare con la salute ed è chiaro che ci sia dietro qualcosa. Anche solo il fatto che ormai non potrebbero dire di essersi sbagliati e di avere causato con la loro idiozia il potenziamento del patogeno.

      Comunque negli USA Minchiagggiòbbbàiden ha da poco annunciato l’obbligo vaccinale per: “Proteggere i vaccinati dai non vaccinati” e l’utilizzo della terza dose per: “Dare ancora maggiore protezione”. A breve anche qui, dato che Bob Hope (purtroppo non il famoso attore statunitense) ha già annunciato che la Costituzione lo permette.

      1. “Tutto questo chiaramente non ha niente a che fare con la salute ed è chiaro che ci sia dietro qualcosa. Anche solo il fatto che ormai non potrebbero dire di essersi sbagliati e di avere causato con la loro idiozia il potenziamento del patogeno.”

        Idiozia voluta perché sotto ci sono catene montuose di soldi.

        1. Sicuramente. Il mio era solo un esempio della motivazione più ottimistica che mi venisse in mente.

          Il fatto che i colossi big pharma abbiano aumentato i fatturati in maniera esponenziale dovrebbe come minimo suscitare dubbi e domande.

      2. Non è che si guardano bene dal non chiarirlo: lasciando stare tv e giornali (tutti collusi e comrpati), ovunque giri per internet, non si trovano altro che articoli (firmati da “professoroni”) sul fatto che siano vaccini e non terapie geniche. In che modo è possibile confutarli, se chi potrebbe farlo non viene ammesso a contraddittorio e lo si relega a predicare su internet e sui social, definiti a prescindere inaffidabili e complottisti?

  3. Salvini dovrebbe dire la verita’, ovvero che lo scopo della vaccinazione di massa in piena pandemia e’ proprio quello di selezionare varianti sempre più aggressive e resistenti ai vaccini per perpetuare in eterno la dittatura sanitaria.
    L’unica speranza che abbiamo perche’ questo piano fallisca e’ che si produca una variante che ammazza solo i vaccinati.
    Vediamo se ciò si realizza, preghiamo.

  4. questo autunno-inverno avremo la prova definitiva, e nessuno si potra’ piu’ nascondere dietro una panzana.
    Al momento la sola cosa certa e stracerta e’ che non si raggiungera’ l’immunita’ di gregge, che per un vaccino significa il fallimento della sua funzione principale.

Lascia un commento