Branco immigrati pesta senzatetto italiana: non è razzismo?

Condividi!

Uno Stato che preleva cinquemila afghani e trova loro casa in dieci giorni invece di cercare casa per i ventimila poveri italiani che, come questa povera donna, vivono per strada.

VERIFICA LA NOTIZIA

La prima preoccupazione dei poliziotti, una volta giunti in corso Vittorio Emanuele, è stata quella di sincerarsi delle condizioni di salute della donna, parte in causa nella lite ed ancora presente che, oltre a sembrare provata da quanto accaduto, recava una ferita alla fronte: nonostante gli inviti degli agenti, la donna ha categoricamente rifiutato di sottoporsi a cure mediche men che meno al trasporto in un nosocomio cittadino ed è sembrata indispettita dalle semplici richieste di chiarimenti dei poliziotti su quanto accaduto, non fornendo alcun utile elemento al prosieguo delle indagini.

Sarebbe stato un testimone a chiarire quanto accaduto ed importanti spunti potranno essere acquisiti anche dalla visione delle immagini registrate dalle telecamere a circuito chiuso di zona.

La Polizia di Stato è quindi alla ricerca dei due giovani stranieri.




13 pensieri su “Branco immigrati pesta senzatetto italiana: non è razzismo?”

  1. Il paese è invaso da orde di selvaggi afro-islamici.
    Beduini, puzzolenti di couscous, che con la loro prole invade i centri commerciali la domenica pomeriggio.
    Figli sottosviluppati che impediscono lo sviluppo pedagogico dei nostri ragazzi.
    Famigliole che non parlano italiano, che odiano la civiltà occidentale ma che sfruttano e rubano la nostra ricchezza, conquistata con secoli di sacrifici.

I commenti sono chiusi.