GUERRIGLIA ISLAMICA A RICCIONE: NORDAFRICANI HANNO DISTRUTTO AUTO E VETRINE – VIDEO

Condividi!

E questi deficienti portano i rinforzi dall’Afghanistan. Altri figli di immigrati islamici: follia. Crimine.

Scene di ordinaria follia. I residenti le hanno definite così. Le hanno documentate con foto e video, manifestando indignazione sulle bacheche dei social network. Una notte d’estate, a Riccione. Una gang scatenata, che vandalizza tutto ciò che trova lungo il proprio percorso. Il gruppo è composto da una trentina di ragazzi, secondo le prime ricostruzioni in gran parte minorenni e di origine nordafricana.

Ancora su questa notizia:

Decine di africani devastano Riccione incitati dal rapper marocchino Baby Gang – VIDEO

Decine di africani devastano Riccione incitati dal rapper marocchino Baby Gang – VIDEO

Via Martinelli, a Riccione, messa a ferro e fuoco nel cuore della nottata tra sabato e domenica. Diverse decine di adolescenti, secondo quanto emerso tutti minorenni nordafricani, ha devastato la strada, le auto in sosta e i negozi. Cartelli della segnaletica divelti, veicoli con le carrozzerie rigate, coi finestrini rotti e tetti usati come pista da ballo. Nel mirino dei vandali anche la vetrina di un’attività commerciale coi giovanissimi che hanno cercato di sfondarla. Il tutto accompagnato dal lancio di oggetti vari. È scattato l’allarme ma all’arrivo delle pattuglie dei carabinieri si è scatenato il fuggi fuggi generale dei ragazzini che si sono dispersi lungo le vie laterali lasciandosi alle spalle la devastazione. Sono in corso le indagini dei Carabinieri, che stanno analizzando i filmati delle telecamere di sicurezza, per identificare lo squadrone di vandali.




4 pensieri su “GUERRIGLIA ISLAMICA A RICCIONE: NORDAFRICANI HANNO DISTRUTTO AUTO E VETRINE – VIDEO”

  1. Poi non ci si stupisca se anche i cosiddetti moderati d CDX come sono sempre stato io si radicalizzino su posizioni estreme.
    Piccoli figli di troia in azione non possono fare che danni.
    Il problema è che anche questi cresceranno. Feccia.

I commenti sono chiusi.