AFROISLAMICO UCCIDE PRETE IN FRANCIA: AVEVA GIA’ BRUCIATO LA CATTEDRALE DI NANTES

Condividi!

Un prete è stato ucciso in Francia dal solito afroislamico. E’ accaduto in Vandea.

Il responsabile dell’omicidio si è consegnato questa mattina alla polizia d’Oltralpe. Secondo quanto riporta il sito di Le Figaro, si tratta dell’immigrato ruandese che nel 2020 aveva dato fuoco alla cattedrale di Nantes. E che da allora era stato messo sotto controllo giudiziario: non molto bene.

Dopo aver ricevuto la confessione dell’islamico, i gendarmi francesi si sono recati nel luogo da lui indicato ed hanno trovato il cadavere del sacerdote. Secondo France 3, il corpo della vittima è stato scoperto questo lunedì a Saint-Laurent-sur-Sèvre, a una ventina di chilometri da Cholet.

“In Francia si può essere clandestino, incendiare la cattedrale di Nantes, non essere mai espulso, ed essere recidivo con l’assassinio di un prete” ha twittato Marine Le Pen. “Quello che succede nel nostro Paese è di una gravità senza precedenti: è il fallimento completo dello Stato e di Darmanin”, conclude la leader di Rassemblement National riferendosi al ministro dell’Interno.

Non solo non vincono ori e rischiano di farti perdere la 4×100, ma sgozzano anche i preti che li accolgono.




2 pensieri su “AFROISLAMICO UCCIDE PRETE IN FRANCIA: AVEVA GIA’ BRUCIATO LA CATTEDRALE DI NANTES”

Lascia un commento