Boom contagi nel supervaccinato Israele: verso nuovo lockdown

Condividi!

Sono quasi 4.000 i contagi da coronavirus in Israele oggi, 3 agosto 2021, secondo i dati del bollettino con i numeri delle ultime 24 ore. I dati del ministero della Salute riportati da Ynet fanno riferimento a altri 3.818 israeliani risultati positivi al test per il Covid-19 e di un tasso di positività rispetto al numero di esami effettuati arrivato al 3,78%.

Si tratta, scrive il Jerusalem Post, del bollettino più preoccupante da inizio marzo e con altri 15 decessi da lunedì mattina il Paese registra il bilancio più grave da quattro mesi. I pazienti in condizioni definite gravi sono 221, nove in più rispetto a ieri, 66 in più – sottolinea ancora il giornale – rispetto a martedì scorso. Secondo i dati del ministero della Salute, aggiunge Haaretz, il 42% dei pazienti in condizioni gravi non è vaccinato contro il coronavirus.

I casi attivi, riporta Ynet, sono 22.345 e sono 6.492 le vittime dall’inizio della pandemia. Il gabinetto ministeriale per il coronavirus si riunirà nelle prossime ore e si parlerà di nuove restrizioni.




6 pensieri su “Boom contagi nel supervaccinato Israele: verso nuovo lockdown”

    1. il bello
      e’ che i palestinesi musulmani, rifiutano i vaccini
      cosi come tutti i musulmani
      perche considerano ogni cosa che proviene dal mondo occidentale,
      frutto del demonio

      mentre gli istraeliani, corrono a vaccinarsi peggio dei leghisti,

  1. Ottimi più di tremila e ottocento contagiati a mezzogiorno, ma aspettiamo la tarda serata quando Israele aggiorna definitivamente i dati giornalieri, spesso raddoppiando, a meno che non stiate parlando dei malati di ieri 2 agosto che però eranonintornonai 3000. In ogni caso, bene avere un 58% di malati gravi completamente vaccinati. Ieri i morti erano 9, spero tutto vaccinati, ma presto il virus imparerà a riconoscerli.

  2. Il vaccino funge. Eccome se funge. E infatti i risultati sono sotto gli occhi quindi avanti con la campagna vaccinale. qualche boccalone che si fa infinocchiare c’è sempre. Così campano le case farmaceutiche.

  3. In Israele danno dei positivi che se poi, quando ci torni sopra anche solo dopo qualche ora, aumentano: in ogni caso sapendolo e con continui aggiornamenti, il trend dei contagi segue in regolarissima crescita esponenziale.
    Intorno ad ora di pranzo escono i dati parziali, poi dopo cena esce il dato finale della giornata, con i positivi normalmente raddoppiati.
    Il dato che riportate, ovvero 3818 positivi in Israele, corrisponde più o meno al dato che ho io, 3849 positivi di ieri ovvero del 2 di agosto con ben 10 morti di coronavirus (vaccinati?).
    Oggi invece, 3 di agosto, il dato parziale del primo pomeriggio dei positivi giornalieri e’ 1632, che probabilmente raddoppieranno dopo cena (finora abbiamo anche 5 bare).
    In Israele hanno cominciato le terze dosi di pfizer per gli ultra sessantenni perché hanno visto che col virus mutato, il vaccinato che ha pochi anticorpi specifici da vaccino fa fatica ad aver ragione di un virus che comincia a sfuggire le difese immunitarie indotte e sono preoccupati perché se gli muoiono troppi vaccinati la gente si incazza anche da loro.
    Quando la quarta dose?

  4. 2741 sono i contagiati finali di oggi 3 agosto a questa ora della sera, erano 1632 a pranzo e sono arrivati a 2741 all’ora di cena.
    8 le bare odierne, 10 le bare di ieri, i dati confermano una robusta sbrindellata.

Lascia un commento