Sbarca esercito islamico: 120 invasori raggiungono il centro abitato di notte

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Ancora uno sbarco a Portoselvaggio con circa 120 clandestini provenienti da Pakistan e Bangladesh arrivate nel Salento per farsi mantenere dagli italiani.

La maggior parte dei clandestini è compresa nella fascia tra i 20 e 45 anni. Come succede sempre più di frequente negli ultimi mesi sono pochissime le donne presenti nel gruppo: in questo caso sarebbero solo due.

In pratica: un esercito islamico invasore.

Intorno alle 23 sono state alcuni automobilisti di passaggio a notare folti gruppi di invasori risalire le alture a monte della baia e imboccare le stradine di località cenate Vecchie per raggiungere Nardò, il centro abitato e le stazioni ferroviarie. Un percorso obbligato.

Gli agenti del commissariato ne hanno fermati trenta ma molti altri stazionavano ancora nei pressi della piana della Lea e di torre Uluzzo, dove presumibilmente è avvenuto l’approdo.

Capito? Lamorgese vuole da voi il green pass ma i clandestini provenienti dai luoghi di origine della variante Delta sbarcano incontrollati e raggiungono centri abitati e stazioni.

Per l’intera nottata sono andate avanti le operazioni di identificazione e smistamento degli scrocconi verso i centri di prima accoglienza. I migranti sono apparsi in precarie condizioni igieniche a causa del lungo viaggio che hanno affrontato, accalcati sopra una barca, e qualcuno ha avuto necessità dell’intervento dei sanitari.

Non avevano green pass! Ma loro possono sbarcare quando vogliono, l’invasore è il benvenuto nell’Italia di Draghi.

Resta da annotare che il versante ionico è sempre più prediletto dagli scafisti che riescono, evidentemente, ad evitare i controlli e girare intorno al Capo di Leuca per incunearsi nella piccola baia dell’area protetta di Portoselvaggio.

Nel 2020 ci furono due sbarchi ad agosto, il 12 ed il 30, mentre il 2021 ha visto un consistente arrivo di clandestini il 20 giugno scorso, in pieno giorno. Una situazione, quest’ultima, che avvalora l’ipotesi che la rotta sia ormai “privilegiata”. Di notte, invece, la scelta di Portoselvaggio appare dovuta alla vastissima fascia di costa poco illuminata e presidiata: circa 10 chilometri di buio quasi totale tra le luci di Santa Caterina e quelle di Porto Cesareo proprio grazie al parco e all’area marina protetta.

Quando uno Stato perseguita i propri cittadini e lascia entrare gli invasori senza controlli è uno Stato da abbattare.




3 pensieri su “Sbarca esercito islamico: 120 invasori raggiungono il centro abitato di notte”

  1. ma i droni li usiamo soltanto per correre dietro al pensionato che si fa un giro per i boschi? e i radar li abbiamo spenti oppure abbiamo personale incapace di usarli? oppure ci sono ordini da Roma di far finta di non vedere nulla?

Lascia un commento