100 PIAZZE CONTRO IL GREEN PASS: LA RIVOLTA DILAGA IN TUTTA ITALIA

Condividi!

Qualcuno di importante ha consigliato Vox di non pubblicizzare le piazze contro il ‘green pass’. La risposta:

Ricordate: meglio una vita in fuga per le proprie idee – e anche per difendere quelle degli altri – che in un palazzo di lusso ai piedi del potente di turno.




8 pensieri su “100 PIAZZE CONTRO IL GREEN PASS: LA RIVOLTA DILAGA IN TUTTA ITALIA”

  1. ” meglio una vita in fuga per le proprie idee – e anche per difendere quelle degli altri – che in un palazzo di lusso ai piedi del potente di turno.”
    Le carogne che stanno distruggendo il paese non possono tenere in contegno i nobili ideali, essendo affamate di soldi in quanto provenienti da realtà miserabili.

  2. Lo so che è noioso, lo so che è sabato… Ma esattamente come pochi giorni fa… stasera ci sarò. Saremo ben in tre! Viene anche Vizia! Anche se quella che vorrebbe esserci di più, la Migliore, dovrà stare a casa. Perché le maestre la possono menare quanto vogliono. Ma “i globalisti” e le loro idee hanno rotto. Il cazzo. E se lo dice una bimba di 9 anni… il futuro è nostro.

  3. Ieri sera, dopo l’ennesimo gioco andato in onda su Rai1 (la rete dei giochi), hanno fatto girare il nuovo spot per convincere la gente a farsi bucare. All’apertura c’era il noto falso musicista tutto scritto addosso, presentato con il nome in sovrimpressione (per fare tanto “persona normale come tutti voi”), che stavolta invitava i giovani a non credere a “voci sbagliate che dicevano che il virus sia “una montatura”, perchè “io l’ho avuto ed è stato un inferno”.
    Il tizio invitava a credere alla schiettezza della sua testimonianza, perchè lui sarebbe un tipo assolutamente lontano dall’essere filo-governativo: il che, affermato in uno spot creato dal “governo”, è come minimo ridicolo. Ed è ancora più ridicolo perchè, dopo di lui, partiva la tiritera dei testimonial del “mettetevi la mascherina e facciamoci tutti il vaccino senza cincischiare”: vaccino contro il quale proprio lui, qualche mese prima, aveva avuto tanto da ridire.
    Quindi, chi ha creato quest’ennesimo invito a farsi bucare con un modificatore genetico (l’ideale per non curare un virus artificialmente modificato, ma utilissimo per creare “trans-umani”…) ha accrocchiato 2 tipi di spot (uno contro il covid e l’altro a pro del vaccino), utilizzando metodi da prima elementare della psicologia. Un sincero complimenti a questi Goebbels della mutua: con “persuasori” del genere, siamo in una botte di ferro.
    Del resto, cose del genere sono il sintomo di una fretta fottuta, dovuta a un terrore infinitesimale di rischiare la pelle con i burattinai, nel caso non riuscissero a convincere tutta la popolazione a farsi modificare, come da accordi presi dal 2014 in avanti. Ma questo gli” anti-governativi” non possono saperlo: o, se lo sanno, sono “complottismi”.

Lascia un commento