AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

SCONTRI IN TUNISIA, ISLAMICI SI PREPARANO AD INVADERE L’ITALIA SUI BARCONI: SERVE BLOCCO NAVALE

Vox
Condividi!

Il caos in Tunisia spiega l’ondata di sbarchi di queste settimane. E la prossima. Solo un blocco navale può salvarci. Ma noi abbiamo i vaccinati della Vespucci e le crocerossine.

Le decisioni di congelare per 30 giorni
il Parlamento, revocare l’immunità ai
deputati e licenziare il premier non
rappresentano “un colpo di Stato”, sono
decisioni costituzionali,ai sensi dell’
articolo 80 della Costituzione: lo dice
il presidente tunisino, Kais Saied, ri-
spondendo al presidente dell’Assemblea
e leader del partito islamico Ennhadha
(primo in Parlamento),Rached Ghannouchi

Vox

“Chi parla di colpo di Stato dovrebbe
leggere la Costituzione, io sono stato
paziente,ho sofferto con il popolo tu-
nisino”,ha detto Saied alla tv di Stato

Tafferugli e lanci di pietre nei pressi
della Camera dei Rappresentanti a Tuni-
si. A scontrarsi sostenitori del presi-
dente Saied contro quelli del movimento
islamista Ennahda, riuniti dalla notte
dinanzi al Parlamento, dove l’esercito
vieta l’ingresso. La polizia è interve-
nuta per evitare scontri più pesanti.

Gli scontri avvengono in relazione alla
decisione di Saied di esautorare il
Parlamento e di licenziare il primo mi-
nistro Mechichi.




5 pensieri su “SCONTRI IN TUNISIA, ISLAMICI SI PREPARANO AD INVADERE L’ITALIA SUI BARCONI: SERVE BLOCCO NAVALE”

  1. la lamorghese sta spellandosi le mani per la soddisfazione. Il business di famiglia beneficiera’ di tutti gli “esuli” tunisini ora!

  2. Ma se sono stati gli islamici a mettere come presidente Kais Saied, non si capisce piu’ un cazzo.

I commenti sono chiusi.