CONTAGIO DILAGA A LAMPEDUSA, SBARCANO DECINE DI INFETTI, POLIZIA: “SITUAZIONE FUORI CONTROLLO”

Condividi!

“Nell’hotspot 49 stranieri positivi al Covid, si rischiano nuovi focolai, tra assembramenti e fughe”.

Un vero e proprio assalto, con un centinaio di sbarchi nell’ultimo fine settimana. Interrotti solo dal mare mosso.

Il numero di stranieri ospitati all’interno del centro di prima accoglienza sfiora i 1.500.

Ieri in 300 hanno lasciato l’isola per essere trasferiti in Calabria, a Crotone, mentre in 150 si sono imbarcati sulla nave quarantena Adriatico. Altri:

ARRIVANO LE NAVI DA CROCIERA PER TRAGHETTARE I CLANDESTINI DI LAMPEDUSA IN ITALIA

MA LA SITUAZIONE E’ FUORI CONTROLLO, IL CONTAGIO DILAGA. COSI’ IMPORTIAMO LE VARIANTI RESISTENTI AI VACCINI

VERIFICA LA NOTIZIA

E nell’hotspot è il caos. A denunciare una situazione il sindacato di polizia Coisp.

“È stata l’ennesima notte di tensione nel centro di prima accoglienza”, racconta a Sputnik Italia Domenico Pianese, segretario generale dell’organizzazione.

“Un centro che può ospitare al massimo 200 persone, al momento ne contiene oltre 1170, – spiegava il sindacalista prima di altri sbarchi – di cui 49 positive al covid, e altre 370 imbarcate sulle navi-quarantena”.

“In questa situazione, – va avanti il rappresentante degli agenti -gli assembramenti sono inevitabili e le norme anti-contagio sono saltate tutte”. “Insomma, il rischio di nuovi focolai Covid è sempre più probabile”, è la conclusione.
Secondo Pianese, infatti, “ogni giorno sono tantissimi i migranti che violano le restrizioni e si danno alla fuga abbattendo le recinzioni dei centri e forzando i servizi di vigilanza”.

“Di questi, solo alcuni vengono rintracciati e ricondotti all’interno e di conseguenza – mette in guardia il sindacalista – è a rischio la salute dei poliziotti e dei cittadini, poiché la fuga incontrollata di coloro che, magari positivi al virus, scappano dall’hotspot, rappresentano un moltiplicatore incontrollato dei contagi”.

Il segretario generale del Coisp punta il dito contro il ministero dell’Interno e chiede una “inversione di marcia”. Altrimenti, aggiunge, “rischiamo di soccombere”. “È evidente – protesta Pianese – che le politiche migratorie messe in atto finora non stanno funzionando e se non si agirà in maniera concreta e repentina, quest’estate passerà alla storia come la peggiore in materia di gestione dei flussi migratori”.




3 pensieri su “CONTAGIO DILAGA A LAMPEDUSA, SBARCANO DECINE DI INFETTI, POLIZIA: “SITUAZIONE FUORI CONTROLLO””

  1. Sembra che in Tunisia , oltre alla variante indiana ed inglese (che si assomigliano ma non sono uguali) ora c’é pure la variante nigeriana che , come ovvio venendo da quelle parti dove il piu’ pulito ha la rogna, é molto letale e uccide anche i giovani. Detto questo probabilmente il vaccino non funziona anche con questa variante (come non funziona con le precedenti) e sono piu’ i morti che fa che quelli che salva.

  2. L’Italia è diventata la discarica d’Europa. Scrivere ogni giorno quanti clandestini arrivano via mare oppure attraverso Balcani non serve a niente. Spaciatori, ladri, violenti, stupratori , avenzi di galera non interessano Draghi, Lamorgese, PD, M5 s, Italia Viva …. Quando sento parlare Librandi mi viene vomito e diarea.

Lascia un commento