Voghera, sorella spacciatore marocchino batte cassa: “In Italia non c’è legge” – VIDEO

Condividi!

In un Paese serio gli spacciatori devono avere paura.

Anche:

Voghera, sorella spacciatore marocchino protesta: “In Italia non c’è legge”




7 pensieri su “Voghera, sorella spacciatore marocchino batte cassa: “In Italia non c’è legge” – VIDEO”

  1. Per lo stato un italiano morto viene risarcito con 7500 euro se non sbaglio…quindi le diano quelli meno 7500 xché se l’è cercata essendo un criminale, meno i danni fatti alle sue vittime, meno i soldi x rispediti in Marocco a calci nelle gengive.

  2. e gia inziata la campagna di odio contro il povero signore dai giornaletti digitali scam : libero.it, virgilio.it con il loro troll a 5 cent a cottimo a spargere odio e calunnie e disinformazione , tipici ghey con notebook sottocosto e happy meal di merdonald , poi finita la trollata chiamano il rider , magari ci sacappa pure un po di bamba, vero bastardelli?

  3. dice che lo aiutava chiamando i carabbinieri e lo ospitava, poi improvvisamente dice che viene dalla francia…. …testimone attendibile, ma poco importa, la sx ne fara’il floyd de noialtri con buona pace di qualunque ricostruzione e ragione. Vi ricordate il caso di Emmanuel a Fermo? Testimoni oculari che testimoniavano fatti diversi dal racconto di comodo non furono nemmeno ascoltati.

  4. … Invece voi “arabi” avete la legge di non rispettare la legge, in cui siete ospiti o meglio invasori e volete applicare la legge.
    Seppur io sia contraria alla violenza, la reazione di chi ha sparato è stata improvvisa e non premeditata, purtroppo è colpito uno sparo involontario, ma comunque il defunto stava minacciando una ragazza e solitamente alle minacce seguono i fatti violenti.
    Chi ha sparato non era né uno sprovveduto, tanto meno un giustiziere. Questo comportamento scaturisce dal fe che in Italia gli invasori sono diventati intoccabili, al pari di certi politici e magistrati di sinistra, che non applicano le leggi. Una vita persa è sempre una vita persa, ma se la persona in questione fosse stata espulsa od arrestata per i reati commessi, probabilmente sarebbe ancora in vita.

Lascia un commento