Cirinnà minaccia i parlamentari: “Abbiamo nomi e cognomi di chi non vota ddl Zan”

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Monica Cirinnà, davanti alle telecamere ieri ha parlato di “giorno della verità”. La senatrice del Partito democratico non ci ha pensato due volte e ai microfoni del Tg1 ha tranquillamente detto senza alcun tipo di problema: “Abbiamo i nomi e i cognomi di chi vuole modificare questa legge, di chi fa l’occhiolino a Orban, di chi vuole continuare a lasciare persone oggetto di crimini di odio”.

“Quando ho letto il primo emendamento ho capito con chiarezza che l’intento di Italia viva è totalmente demolitorio nei confronti del ddl Zan. Ed è evidente il suo tentativo di far passare questi emendamenti per una mediazione che è invece totalmente falsa”. La Cirinnà si è detta “sconvolta” dal “merito degli emendamenti” presentati dai renziani.

Le minaccia di Cirinnà, che tra l’altro ha anche parenti delinquenti, rientrano nell’ambito di un grave reato contro il funzionamento dell’ordine democratico.




11 pensieri su “Cirinnà minaccia i parlamentari: “Abbiamo nomi e cognomi di chi non vota ddl Zan””

  1. Riguarda l’ambiente dei sinistrati.
    IV forse volevano fare gli sboroni e distinguersi dal M5S che al contrario sembrano accondiscendenti a qualsiasi linea politica del PD.

I commenti sono chiusi.