AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

Salvini: “Nomina Fornero? Lega non ci sta”

Vox
Condividi!

“La Fornero scelta dal Pd per occuparsi dei pensionati italiani??? No grazie, la Lega non ci sta, la signora ha già fatto troppi danni”. Lo scrive su Twitter il leader della Lega, Matteo Salvini, criticando la nomina dell’ex ministro del Lavoro nel team di consulenti economici del governo.

Vox

Oggi intanto, in due interviste, Elsa Fornero – esperta di previdenza e già ministro del Lavoro tra il 2011 e il 2013 – commenta l’incarico ricevuto da Palazzo Chigi per il Consiglio di indirizzo nell’ambito del Dipartimento per la programmazione e il coordinamento della politica economica. Al ‘Messaggero’ spiega: “Questa struttura si occuperà di politica economica in senso molto ampio, su tanti argomenti. E per adesso in realtà non è stata ancora convocata”. Sul capitolo previdenza, per Fornero, “ora un po’ di flessibilità si può recuperare, a differenza del 2011, quando c’era la pressione di una crisi finanziaria. I tempi sono diversi, non ci sono priorità uguali per tutte le stagioni. Ma la flessibilità non deve andare a scapito delle giovani generazioni, quelle che hanno meno voce in capitolo. Bisogna sempre chiedersi chi paga”. Su quota 100 aggiunge: “Chi ha avuto la possibilità di sfruttarla l’ha fatto e va bene, però bisogna dire che Quota 100 nell’insieme non è stata un successo. Non è servita a creare occupazione e, come ha evidenziato il recente rapporto dell’Inps, è stata usata principalmente da maschi”.




8 pensieri su “Salvini: “Nomina Fornero? Lega non ci sta””

  1. Ha perfettamente ragione, Ugo.
    Su molti argomenti l’ex ragazzo e molti suoi sodali (a sorpresa, incluso il governatore del Friuli), sono nei fatti schierati con i padroni del discorso (anche se strizzano l’occhio al pubblico col sottinteso che sanno quello che fanno e in realtà fanno gli interessi dei cittadini; e qui cito Greggio: se se se se se! se che? securo!) .
    Il messaggio da dare all’ex ragazzo Salvini è che le chiacchiere stanno a zero.
    O, sulla scorta di Palmiro Cangini, “fatti, non pugnette”; e sempre citando quest’ultimo, Salvini e tutta la lega rischiano di essere inutili come un culo senza il buco.

    1. Grazie Liuk. A volte mi sento fuori di testa, perché i miei ragionamenti non vengono solitamente accolti con favore, e dopo un po’ uno comincia a chiedersi se è lui stesso ad avere qualcosa che non va nel cervello.

      1. La grottesca verità è che, contrariamente alla nota barzelletta, la persuasione di massa ha riempito le strade di gente che va davvero contromano e quello che nella storiella era il matto – quello era lo spunto comico – è l’unico (meglio: tra i pochi) savio.

I commenti sono chiusi.