Senatore: green pass è discriminazione razziale contro italiani, chiedetelo ai clandestini

Condividi!

“Il ’green pass’ sarà obbligatorio solo per gli italiani, o vogliamo ragionevolmente pensare che lo debba diventare anche per chi arriva clandestinamente dall’Africa?”.

Sono le parole di Enrico Aimi, senatore di Forza Italia e capogruppo in commissione Affari Esteri. Non è più sopportabile una politica del rigore ad intermittenza razziale: divieti, controlli e sanzioni per gli italiani, confini colabrodo e anarchia totale per i clandestini. Forza Italia ha responsabilità di governo e deve far sentire la propria voce. Non possiamo chiedere sacrifici e rinunce ai nostri connazionali e tollerare continui arrivi illegali, economicamente insopportabili e sovente pericolosi, sia per chi parte all’avventura, che per chi deve approntare un percorso di accoglienza oramai al collasso”.




6 pensieri su “Senatore: green pass è discriminazione razziale contro italiani, chiedetelo ai clandestini”

  1. Ai negri chiedessero pure il doppio vaccino e il tampone molecolare fatto a spese loro prima di importarli sul suolo italiano, la Madonna l ‘ ha detto, senza il segno della bestia non potrete fare nulla…. comprare vendere andare o venire….. il virus sparirà quando inizierete a pregare Dio…..
    Lo smartphone è personale il codice qr è personale ed incedibile…… tutto torna…. la bestia ha iniziato a segnare il suo gregge di pecoroni…..

  2. Dunque a tempo debito costui voterà CONTRO? Fateci sapere. E i suoi compagni di merende azzurri, verdi e neri che faranno? Voteranno contro impedendo il provvedomento? Ve la do io la risposta: no, manco per sogno. Pappa e ciccia. Culo e camicia.

  3. “green pass è discriminazione razziale contro italiani”

    MA VIEEEEEENI !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

    Comunque non mi fido dei politici, troppo banderuole e opportunisti.

Lascia un commento