FUGA DI MASSA DALLA QUARANTENA: DECINE DI TUNISINI ASSALTANO AUTOMOBILISTI

Vox
Condividi!

Una quarantina di clandestini, tutti sedicenti minori, sono fuggiti in massa da Villa Sikania dove si trovavano in stato di sorveglianza sanitaria anti-Covid.

VERIFICA LA NOTIZIA

A gruppi, i giovanissimi – tunisini per la maggior parte – si sono riversati lungo la strada statale 115 e hanno, di fatto, terrorizzato gli automobilisti di passaggio. In tanti, memori dell’investimento già registratosi, hanno rallentato all’inverosimile, rischiando che si innescassero dei tamponamenti.

Polizia, carabinieri ed esercito si sono già messi alle calcagna dei fuggitivi e stanno cercando di bloccare quelli che ancora non si sono dispersi lungo le attigue campagne.

Vox

Era la notte del 4 settembre quando uno dei clandestini in fuga dal centro d’accoglienza Villa Sikania di Siculiana – un eritreo di 20 anni – venne investito ed ucciso lungo la strada statale 115. Stavolta nulla, peccato.

Feriti, sempre perché investiti dalla Volkswagen Touareg, anche tre poliziotti. Due riportarono traumi e contusioni varie, il terzo invece una brutta frattura e venne sottoposto ad un delicato intervento chirurgico. Poco dopo l’investimento, i carabinieri arrestarono – per le ipotesi di reato di omicidio stradale e fuga del conducente – l’automobilista: un 34enne di Realmonte.




2 pensieri su “FUGA DI MASSA DALLA QUARANTENA: DECINE DI TUNISINI ASSALTANO AUTOMOBILISTI”

  1. Il problema è che nessun idiota siculo andrà a protestare contro questa cooperativa. Probabilmente molti avranno amici o parenti che ci lavorano.
    Fattosta’ che ancora oggi c’è un povero malcapitato in carcere incriminato per omicidio stradale e fuga(da un linciaggio).

I commenti sono chiusi.