Ddl Zan, vescovo di Verona: “Non può dirsi cattolico chi la sostiene”

Condividi!

https://twitter.com/RadioSavana/status/1410577303474786306

Il disegno di legge Zan come la Gestapo. Monsignor Giuseppe Zenti, vescovo di Verona: «Di fronte a chi mi chiede luce, confuso e disorientato non posso tacere – ha detto durante l’omelia. Me ne prendo la responsabilità senza coinvolgere gli altri confratelli vescovi: può dirsi veramente cattolico chi sostiene la teoria ideologica del gender, che contrasta radicalmente con la Bibbia e con il magistero? Non possiamo stare zitti quando vengono messi a rischio i valori fondamentali della famiglia e della vita (…). Auspichiamo che si possa continuare a dirlo, che non resti traccia nel ddl di bavagli o possibili incarcerazioni. Sarebbero residuati da Gestapo».

«Nessuno mette in dubbio che i tempi siano maturi per superare la logica delle discriminazioni. Ma vanno superate tutte, in una visione olistica, a cominciare da quelle che colpiscono i disabili: penso a chi soffre di autismo, ai quali la società e lo Stato danno soltanto le briciole. Ci sono discriminazioni legate alla povertà, dovute alla disoccupazione o alla mancanza di una pensione dignitosa per i più anziani».

In realtà discriminare è cosa distingue l'uomo dalla bestia. Se non discriminassimo saremmo ancora scimmie sugli alberi. L'evoluzione è discriminazione. Ciò non significa pestare chi non ti piace, ma scegliere di stare insieme a chi è simile a te.

«Ci sono anche nell’ambito delle differenze sessuali, ma la famiglia è il gioiello di Dio, il vertice della creazione: il progetto di Dio non prevede altre forme di trasmissione della vita umana. Lasciatecela nella sua bellezza».




4 pensieri su “Ddl Zan, vescovo di Verona: “Non può dirsi cattolico chi la sostiene””

  1. Siamo in dittatura, il ddl Zan ne è un emblema. Guai a dire che l’omosessualità è contronatura perchè non porta alla riproduzione, o che il sesso è determinato dalla biologia e non dalla pisiche.

Lascia un commento