Volontaria accoltellata dall’africano che assisteva per la chiesa – FOTO

Condividi!

Nessun media nazionale parla dell’identità dell’aggressore. Parlano di ‘giovane’. Il giovane:

Rischio tragedia a Ranzo nel comune di Vallelaghi dove poco dopo le 9.30 una donna di 65 anni è stata accoltellata.

VERIFICA LA NOTIZIA

Secondo una prima parziale ricostruzione la donna è stata trovata accasciata sulla strada che porta a Vezzano, vicino alla sua macchina, ferita da un’arma da taglio. Il responsabile del gesto sarebbe stato individuato in un giovane africano ospitato nella canonica del paese, di cui si prendeva cura la stessa donna.

Le forze dell’ordine hanno iniziato la caccia al giovane sulle strade e i boschi della zona. In azione anche l’elicottero dei Carabinieri.

Sul posto con l’elisoccorso i sanitari che dopo aver stabilizzato la 65 enne l’hanno trasferita all’ospedale santa Chiara di Trento in condizioni gravi. Ma dalle prime notizie non sarebbe in pericolo di vita.

La pensionata prestava servizio come volontaria nella canonica del paese e oggi doveva portare il giovane a fare una visita a Trento. Dopo qualche decina di metri il ragazzo è improvvisamente impazzito accoltellando la donna.

I carabinieri, giunti sul posto hanno trovato gli abiti e le valigie dell’uomo fuori dalla porta e l’edificio sbarrato. Pensando che fosse barricato dentro hanno abbattuto la porta ma di lui non si è trovata traccia. L’africano era conosciuto per dei problemi legati alla tossicodipendenza. I Carabinieri hanno diffuso la fotografia per mettere in allerta la comunità. L’uomo infatti è ancora in possesso del coltello e potrebbe aggredire anche altre persone.




3 pensieri su “Volontaria accoltellata dall’africano che assisteva per la chiesa – FOTO”

  1. Diffidate da chi entra nel proprio territorio in maniera clandestina oltre che buon senso è una naturale forma di autodifesa; perché è come se qualcuno, mentte si è a tavola, entrasse firzando la porta e si sedesse a tavola senza nemneno chuedere permesso o fare tanti complimenti.

Lascia un commento