L’Euro è una rapina: prima gli italiani eravamo i più ricchi d’Europa

Condividi!

L’euro è stata una rapina. E la Ue è una gabbia da cui dobbiamo uscire: ci impone zingari, ci impone di dare i sussidi agli immigrati e di non riportare i clandestini in Libia.

VERIFICA LA NOTIZIA
Il primo gennaio del 1999 2000 diventava la ‘nostra’ moneta.

Il grafico seguente mostra la differenza tra il Pil pro-capite italiano (la ricchezza media dei cittadini italiani) e quello medio di cittadini degli altri Paesi Ue.

Per l’Italia è stata una lunga cavalcata dagli anni sessanta, fino al punto massimo raggiunto nel 1995, quando il cittadino medio italiano era più ricco della media Ue di quasi 500 euro attuali. E al tempo, nella Ue c’erano solo Paesi ricchi come, ad esempio, Germania, Francia e Olanda.

Questo significava che l’Italia era diventata ‘troppo’ competitiva. E minacciava l’industria tedesca. Si doveva correre ai ripari. A quel tempo è nato l’Euro: che è una spaventoso passaggio di ricchezza dall’Italia (e dagli altri paesi) alla Germania e dai lavoratori tedeschi agli industriali tedeschi.

Nel 1995 si inizia infatti a far convergere i cambi fino al drammatico avvento dell’Euro avvenuto nel 1999.

Oggi, il cittadino italiano medio si impoverisce rispetto ad un cittadino medio Ue di oltre 5mila euro l’anno. Non parliamo di quanto rispetto ad un tedesco o ad un britannico che ha la sua moneta.

L’Euro è stato questo. Una catastrofe per l’Italia.

Nei grafici che seguono è invece possibile osservare l’andamento della povertà assoluta, del risparmio e del valore degli immobili negli ultimi anni. Quelli in cui la UE e l’euro ci hanno protetti, come usano dire gli eurofanatici:

C’è un altro effetto collaterale dell’Euro. E’ un fattore attrattivo per gli immigrati. Essendo una moneta sopravvalutata rispetto alla Lira, fa sì che molti stranieri attratti dalla possibilità di ‘rimettere’ soldi verso i propri Paesi venga a lavorare in Italia rispetto ad altri Paesi. E lo fa riducendosi lo stipendio perché rispetto alle monete di casa propria il valore rimane comunque elevato. Con una Lira svalutata questo effetto sarebbe molto inferiore e si libererebbero interi settori per i nostri disoccupati.




4 pensieri su “L’Euro è una rapina: prima gli italiani eravamo i più ricchi d’Europa”

  1. Ai tedeschi ha sempre dato un gran fastidio la richezza e la potenza d’Italia:

    ”I latini imitano ancor oggi la saggezza degli antichi Romani nella struttura delle città e nel governo dello Stato. Essi amano infatti la libertà tanto che, per sfuggire alla prepotenza dell’autorità si reggono con il governo di consoli anziché di signori. Essendovi tra essi tre ceti sociali, cioè quello dei grandi feudatari, dei valvassori e della plebe, per contenerne le ambizioni eleggono i predetti consoli non da uno solo di questi ordini, ma da tutti, e perché non si lascino prendere dalla libidine del potere, li cambiano quasi ogni anno. Ne viene che, essendo la terra suddivisa fra le città, ciascuna di esse costringe quanti abitano nella diocesi a stare dalla sua parte, ed a stento si può trovare in tutto il territorio qualche nobile o qualche personaggio importante che non obbedisca agli ordini delle città. Esse hanno anche preso l’abitudine di indicare questi territori come loro «comitati», e per non mancare di mezzi con cui contenere i loro vicini, non disdegnano di elevare alla condizione di cavaliere e ai più alti uffici giovani di bassa condizione e addirittura artigiani praticanti spregevoli arti meccaniche, che le altre genti tengono lontano come la peste dagli uffici più onorevoli e liberali. Ne viene che esse sono di gran lunga superiori a tutte le città del mondo per ricchezza e potenza. ” Ottone vescovo di Frisinga, Gesta di Federico

  2. Con la nostra liretta ci abbiamo fatto le guerre coloniali,la prima guerra mondiale,la seconda,la ricostruzione,gli anni di piombo….Abbiamo creato il benessere ed il lavoro.Poi è arrivato l’euro…E nel giro di 20 anni siamo andati con il culo a bagno.L’europa ci ha deindustrializzato,ha creato disoccupazione miseria e fame.In compenso ci ha riempito di immigrati.Ed il tutto iniziò su quel c***o di Britannia nel ’92.

I commenti sono chiusi.