AL VOTO! I SEGGI CHIUDONO:

La scusa di Patronaggio: “Rackete archiviata perché motovedetta non è nave da guerra”

Vox
Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Carola Rackete non andrà a processo per resistenza a pubblico ufficiale e violenza contro una nave da guerra perché la motovedetta della Guardia di Finanza “non era una nave da guerra” come, invece, prevede il reato inserito all’articolo 1.100 del Codice della Navigazione. Eccolo, nero su bianco, come apprende l’Adnkronos, il motivo per quale la trafficante umanitaria tedesca, che nel giugno di due anni venne arrestata e poi scarcerata, non andrà alla sbarra.

PATRONAGGIO CHIEDE ARCHIVIAZIONE PER RACKETE: AVEVA IL DIRITTO DI SPERONARE MOTOVEDETTA ITALIANA

“Ci siamo adeguati alle indicazioni della Corte di Cassazione che aveva confermato l’annullamento dell’arresto. Pur avendo qualche perplessità sul bilanciamento dei beni giuridici in gioco”. Lo ha detto all’Adnkronos il Procuratore capo di Agrigento, Luigi Patronaggio, commentando la decisione della gip di Agrigento Alessandra Vella di archiviare l’indagine di Carola Rackete, la comandante della Sea Watch accusata di resistenza dopo avere forzato un blocco navale nel giugno del 2019. La Procura ha chiesto l’archiviazione per Rackete, che la gip, la vera responsabile di questo scempio, ha accolto.

Giudice grazia Rackete: riconosce il ‘dovere’ di speronare motovedetta italiana. Liberò anche spacciatore

Vox

Come ha spiegato diverse volte l’ammiraglio De Felice, e tanti altri meno illustri, è una cretinata: la motovedetta è una nave da guerra:

Rackete, Ammiraglio contro Cassazione: “Offesa alle Forze Armate”

Il prossimo governo dovrà inserire le motovedette tra le navi da guerra i modo chiaro anche per i giudici.




4 pensieri su “La scusa di Patronaggio: “Rackete archiviata perché motovedetta non è nave da guerra””

  1. ma come, questa cretina ha cercato di speronare e affondare con 5 militari a bordo, quindi tentato omicidio, e questo magistratunculo la lascia andare libera? la magistratura deve essere totalmente riformata licenziando la gran parte di magistrati che non fanno il loro mestiere ma bensì i politici

I commenti sono chiusi.