Immigrati stuprano studentessa davanti alla questura – FOTO

Condividi!

Studentessa seguita e stuprata da immigrati.

L’hanno seguita mentre da sola rientrava a casa dopo aver trascorso una serata con degli amici e poi l’hanno violentata all’interno di Villa Bonanno, a Palermo, proprio davanti alla questura. Questo per dire il senso di impunità di questa feccia.

VERIFICA LA NOTIZIA

Uno dei bengalesi fermati per lo stupro è già stato condannato a otto anni di carcere con l’abbreviato, quindi con sconto di pena di un terzo automatica, adesso è arrivata la condanna a dieci anni di reclusione anche per l’altro imputato, processato dalla seconda sezione del tribunale.

La vittima, una studentessa originaria di un’altra provincia siciliana, si è costituita parte civile con l’assistenza dell’avvocato Debora Speciale.

Lo stupro risale alla sera del 4 luglio del 2019. La giovane stava rientrando a casa dopo essere stata con degli amici. Essendo da sola, sarebbe stata un po’ preoccupata e così avrebbe chiamato un amico perché le facesse compagnia a distanza durante il tragitto. Non fece in tempo.

Perché ad un certo punto i due bengalesi hanno iniziato a seguirla e, arrivati all’altezza di Villa Bonnano, violentata. Uno stupro filmato con un telefonino.

Dopo la denuncia della studentessa, gli investigatori si erano subito messi sulle tracce dei suoi aggressori e fondamentali per individuarli erano state le telecamere di sorveglianza. Dalle immagini, peraltro, erano emersi i riscontri al racconto della vittima. Inoltre era stato ritrovato sul cellulare di uno dei due anche il video dello stupro. Così i due stranieri, il 13 luglio, erano stati fermati con l’accusa di violenza sessuale. Hanno poi scelto riti diversi per essere processati, ma adesso sono stati entrambi condannati.

E’ un’invasione. E ha tutti i crismi dell’invasione: compresi gli stupri etnici dell’esercito invasore.




9 pensieri su “Immigrati stuprano studentessa davanti alla questura – FOTO”

I commenti sono chiusi.