Cappellano militare ammonisce Capo di Stato Maggiore sull’invasione afroislamica della Francia:“Un giorno dovrai rispondere davanti a Dio”

Condividi!

Padre Richard Kalka, ex cappellano paracadutisti dal 1985 al 2015, risponde al capo di stato maggiore delle forze armate francesi, François Lecointre, a seguito della sua decisione, riguardo all’appello dei generali, di punirli:

Generali a Macron: “Difendere la patria dalle orde islamiche”, lui li punisce perché teme un colpo di stato

Al Capo di Stato Maggiore delle Forze Armate

Mio Generale, ci siamo incontrati l’ultima volta nel giugno 2019, alla conferenza dedicata al 25 ° anniversario dell’Operazione Turchese. Non sono molto conosciuto nell’esercito francese, ma l’esercito mi conosce, specialmente i paracadutisti. La maggior parte dei soldati sa chi sono: colui che, dal 1985, li ha accompagnati in tutti i teatri operativi. Dico “tutto”, fino all’Afghanistan, ultima missione del mio viaggio. Ho sempre risposto “presente” di essere sacerdote, amico e fratello d’armi in qualsiasi condizione accanto a chi aveva bisogno di me. In “il fango, il sudore e la lotta”, come lo chiamavano. E ce n’erano molti, moltissimi. Basta fare loro la domanda; devi ancora essere in grado di farlo, perché per interrogarli devi essere vicino a loro, al loro fianco.


Come sai, ma preferisci ignorarlo, siamo stati due o tre volte negli stessi teatri operativi. Oggi combattiamo insieme anche noi, ma questa lotta è di natura diversa.
Ogni leader, quando deve prendere decisioni importanti, è solo. Ho conosciuto, in diverse occasioni, questa solitudine dei capi. In alcuni casi, mi hanno chiesto di pregare per loro. Come oggi, prego per te. Ma ci sono due categorie di leader e due tipi di solitudine. Il primo è appeso al cavo telefonico e attende istruzioni dall’alto. Quali che siano queste direttive, le accetta senza batter ciglio, perché pensa solo al suo avanzamento. Il secondo mette se stesso davanti a Dio e alla sua coscienza e decide. Sì, lo so, non è facile prendere quel tipo di decisione, è anche molto difficile assumere così questa volontà che potrebbe essere, e in generale, è quella del Cielo. Viene sempre dal Cielo, inoltre, quando si tratta di verità, coraggio e onore.

Da oggi volendo punire e sanzionare i soldati – io li chiamo “soldati”, qualunque sia il loro grado perché hanno avuto il coraggio di andare sul campo di battaglia – ti metti l’uniforme del primo, quello che pensa solo a se stesso e alla propria carriera. Sei orgoglioso Che progresso, visto che sei all’apice della tua carriera militare! Ti compatisco sinceramente. Dovrai rispondere per questo un giorno davanti a Dio, se sei un credente. Nel frattempo potrete essere orgogliosi di aver spezzato i vostri anziani che avevano come scudo, di fronte a un potere politico indegno, solo il loro onore trasformato in un grido di allarme. E soprattutto, potrai complimentarti per aver punito i soldati più giovani sotto i riflettori perché avevano osato unirsi a questo grido di disperazione, con la verità che traduce.

Duemila militari francesi firmano appello contro la ‘disintegrazione della Francia’

In Francia è in atto una rivolta nelle forze armate. Se dovesse saldarsi con le rivendicazioni dei Gilet Gialli, e presentarsi alle urne votando Le Pen, o decidendo che la sua eventuale sconfitta al secondo turno per il voto decisivo degli afroislamici ‘francesi’ fosse illegittima, ne vedremo delle belle.




2 pensieri su “Cappellano militare ammonisce Capo di Stato Maggiore sull’invasione afroislamica della Francia:“Un giorno dovrai rispondere davanti a Dio””

  1. Certe cose si fanno senza tentennare: e poi venisse pure l’ONU a rompere i coglioni. Se non ci fosse un traditore all’eliseo.

  2. Grazie alle parole di questo prete militare, personalmente lo proporrei in Vaticano, almeno lui saprebbe cosa farebbe.

I commenti sono chiusi.