Fedez: “Carabinieri figli di cani infami”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Basta rispolverare il testo di una sua canzonetta di qualche tempo fa per rendersi conto della coerenza del signor Lucia. Il testo che va ricordato è “Tu come li chiami”. In pochi pseudo-versi, Fedez attacca forze dell’ordine e militari:

“Tutti quei figli di cani, tu come li chiami, carabinieri e militari, io li chiamo infami, tutti quei figli di cani“. Parole chiare che non meritano commenti. Qui non c’è odio, sia chiaro. Il moralizzatore segnala l’odio altrui, le sue sono “opinioni”, la sua è “arte”, guai a toccaglierla. Lui è libero di insultare chi vuole, anche le divise, perché vive in un Paese come il nostro. Ma almeno ci risparmi le lezioncine col microfono in mano. Impari dai suoi testi in libertà cosa significa davvero democrazia.




6 pensieri su “Fedez: “Carabinieri figli di cani infami””

  1. Le forze dell’ordine, sono persone che eseguono degli ordini.. Il “cantante” vada a latrare altrove. Non in RAI, a parte che il concerto del primo maggio non lo ho mai ascoltato, primo perché molte volte ho lavorato, secondo perché, sin da quando ero giovane, mi ha sempre dato l’idea di Woodstock.

Lascia un commento