Bimba stuprata a morte da africano: al processo risate in faccia alla mamma – VIDEO

Condividi!

Vox non dimentica gli italiani vittime degli immigrati. Per noi non sono click e propaganda. Sono fratelli e sorelle uccisi dal fottuto buonismo di Stato. Oggi Ilaria sarebbe una bellissima ragazza, invece non lo sarà mai. Pensateci quando affonda un barcone.

Ilaria Leone venne orribilmente stuprata. E’ morì soffocata dal suo stesso sangue dopo un pestaggio brutale, sottoposta a una violenza ripetuta e prolungata. Furono questi i risultati dell’autopsia sul suo povero corpo, straziato la notte tra l’1 e il 2 maggio del 2013 a Castagneto Carducci, nel Livornese.

A massacrarla fu Ablaye Ndoye, senegalese di 34 anni. L’immigrato era già stato condannato a 5 mesi di galera con la condizionale per furto, violenze e risse (aveva minacciato una persona armato di un’ascia) ed era stato raggiunto – si fa per dire – da tre decreti di espulsione mai eseguiti.

La vendetta è l’unica forma di giustizia. E quante Ilaria dovranno morire, prima di vedere i rimpatri di massa? Prima che i giudici della Cassazione la smettano di spalancare le porte davanti all’invasione?

Il 26 maggio è necessario un voto a valanga.




11 pensieri su “Bimba stuprata a morte da africano: al processo risate in faccia alla mamma – VIDEO”

  1. Lo mettessero insieme agli altri detenuti….Ogni 24 ore cambio cella…Sifonato a dovere e riempito di botte.Quando ha finito il giro di tutte le celle trasferimento in altro carcere e via nuovamente con la mazurca…..Certamente al lurido negro di merda gli passerà la voglia di ridere in faccia alle vittime.

I commenti sono chiusi.