ONG francese causa naufragio barcone in Libia: decine di morti, volevano sbarcare in Italia

Condividi!

Decine di clandestini dispersi. Sarebbero morti nel naufragio di un gommone al largo delle coste libiche.

VERIFICA LA NOTIZIA

Lo riferisce l’Ong Sos Mediterranée che con la presenza della propria enorme nave in acque antistanti la Libia, ha causato le partenze e quindi anche questo naufragio: zero partenze nei giorni precedenti l’arrivo dell’ong francese. Del resto, le inchieste ormai hanno svelato gli appuntamenti con gli scafisti:

MAXINCHIESTA INCHIODA LE ONG: CONTATTI CON I TRAFFICANTI, PARTENZA CONCORDATE

In 130 a bordo: tentavano la traversata col mare grosso solo perché sapevano della presenza della nave dei negrieri francesi che li avrebbe portati in Italia. Altrimenti non sarebbero mai partiti con un barcone inadatto alla traversata.

Perse le tracce della barca a nord-est di Tripoli. 13 cadaveri avvistati in mare, ma non è stato possibile recuperarli.

“Oltre 100 morti nel naufragio della seconda imbarcazione.Solo OceanViking e 3 navi mercantili sono accorse. Le autorità avvertite li hanno lasciati affogare”, millanta sul web Mediterranea Saving Humans, che evidentemente già faceva i calcoli di quanto viene 100 moltiplicato per 4.500 euro.

La verità è che anche questi morti sono vittime prima di loro stessi, visto che pagano per andare ad imbarcarsi in Libia per venire in Italia, quando potrebbero vivere a casa propria, dove non ci sono guerre, e poi dell’ong francese che ha segnalato la propria presenza in zona.




2 pensieri su “ONG francese causa naufragio barcone in Libia: decine di morti, volevano sbarcare in Italia”

Lascia un commento