Il reddito di cittadinanza a ladri e spacciatori migranti: quasi cento trovati a Padova

Condividi!

Arrestati o indagati per reati come furto, spaccio, rapina. Col reddito di cittadinanza: l’ennesimo scandalo intorno al sussidio grillino arriva da Padova. Dopo il caso di migliaia di immigrati indagati a Genova.

I finanzieri del comando provinciale, insieme ai funzionari del Comune e dell’Inps, ne hanno scoperti 78, per lo più stranieri. Il danno per le casse dello Stato ammonta a più di 450mila euro. Risibile rispetto ai miliardi che spendiamo per mantenere clandestini e immigrati che ne hanno ‘legalmente diritto’.

VERIFICA LA NOTIZIA

Il metodo per arrivare a ottenere il reddito di cittadinanza senza averne diritto è stato sempre il solito: dichiarazioni mendaci o omissive, passate inosservate al momento dell’erogazione.

Per scoprire gli illeciti i finanzieri si sono avvalsi della capillare conoscenza del tessuto economico-sociale e di un’attenta attività di intelligence svolta sul territorio. In questo modo hanno potuto selezionare una platea di percettori del beneficio in parola, connotati da rilevanti alert di rischio. A carico di questi soggetti, molti dei quali stranieri, i Finanzieri hanno svolto accurati riscontri che hanno consentito di accertare che nella domanda presentata per l’ottenimento del reddito di cittadinanza avevano omesso di comunicare di essere sottoposti a misura cautelare personale o avevano reso false dichiarazioni circa il requisito della residenza.

I requisiti previsti per l’accesso al beneficio richiedono infatti, tra gli altri, la residenza in Italia per almeno 10 anni, di cui gli ultimi due in modo continuativo, e l’assenza di misure cautelari personali in corso di esecuzione a carico del richiedente. Le uniche clausole leghiste non tolte dal secondo Conte e che PD e M5s vorrebbero eliminare.

Tra i “furbetti” individuati dalla Guardia di finanza, invece, molti avevano omesso di dichiarare di essere sottoposti a misure cautelari restrittive della libertà personale al momento della presentazione della domanda. Fra i reati emersi spiccano furto, spaccio di sostanze stupefacenti e anche, in una circostanza specifica, rapina a mano armata.




4 pensieri su “Il reddito di cittadinanza a ladri e spacciatori migranti: quasi cento trovati a Padova”

  1. ma come sperate di avere una visione oggettiva delle cose
    quando censurate il contradditorio?

    Qui state facendo la stessa fine dei medici
    tra i quali
    non c’e nessuno che ha una posizione critica sui vaccini,
    semplicemente perche quelli che hanno posizioni critiche vengono censurati e silenziati.

    E’ normale che poi sembrano tutti d’accordo
    e tutti entusiasti delle vaccinazioni

Lascia un commento