Draghi è un gretino: vuole ancora più chiusure per ‘salvare’ il pianeta dal ‘riscaldamento climatico’ che non c’è

Condividi!

Nell’ultimo anno, con la scusa della pandemia, il mondo ha ridotto – più che altro l’Occidente – l’emissione di gas serra è crollata. Le emissioni di CO2 sono scese del 5,8%. È il declino maggiore dal 1945: in termini assoluti sono sparite due milioni di tonnellate di anidride carbonica, come se tutta l’Unione europea di colpo avesse cessato di «produrre». Ed è proprio stato così.

L’unica giustificazione all’ossessione per i lockdown potrebbe essere dovuta al gretinismo: sono convinti che per ‘salvare’ il pianeta dobbiamo smettere di vivere perché siamo una specie parassitaria. Un po’ lo siamo, ma soprattutto alcune sottospecie. E, comunque, l’impatto reale è sull’inquinamento e la cementificazione nei nostri territori, dovuto solo all’immigrazione. Il riscaldamento climatico è invece una bufala da gretini.

Ecco perché la giornata di oggi è una giornata da gretini alla quale non poteva mancare il gretino nostrano: Draghi.

“Innanzitutto voglio ringraziare il presidente Biden”, con il neo presidente Usa c’è stato “un cambiamento completo” sul clima che ora consente “di procedere insieme”. Così il premier Mario Draghi, esordendo nel suo intervento al Leaders Summit on Climate. Il Next Generation Eu, ha proseguito, “rappresenta una opportunità unica. Possiamo rendere la nostra economia più verde e inclusiva”.

Sul fronte dell’ambiente “le azioni che abbiamo preso finora sembrano insufficienti. Abbiamo bisogno di invertire la rotta e di farlo ora” ha detto ancora il premier. “Vogliamo agire, non pentirci in futuro”, ha rimarcato il presidente del Consiglio. “L’Italia è un Paese bellissimo ma molto fragile. La battaglia per il cambiamento climatico è una battaglia che dobbiamo portare avanti per la nostra storia e per il nostro paesaggio. Ci dedicheremo alla sostenibilità e, allo stesso tempo, avremo un approccio multilaterale”.

Il paesaggio lo difendi smettendo di cementificare e inquinare. E questo avviene solo se blocchi l’immigrazione e quindi il consumo di suolo pro-capite. Il cambiamento climatico, invece, è dovuto quasi esclusivamente all’attività solare.




5 pensieri su “Draghi è un gretino: vuole ancora più chiusure per ‘salvare’ il pianeta dal ‘riscaldamento climatico’ che non c’è”

  1. Adesso vi svegliate ? il bergoglione è un gretaro di merda esattamente come tutti quelli nelle stalle a cinque punte. Il loro obbiettivo: GAIA senza gli uomini. Cosa aspettate maledetti mollaccioni con il telefonino sempre in mano AD ARMARVI ? assaltate le armerie e tirate fuori tutto quello che c’e’ !

  2. Non è necessario essere gretini per avere a cuore le sorti del pianeta. Io ad esempio sono uno di questi, e penso che non sia bloccando le attività economiche che lo salviamo, ma in un’altra maniera: azzerare le nascite in Africa attraverso le sterilizzazioni di massa delle locali popolazioni, in particolare degli elementi di sesso maschile.

Lascia un commento