Crisanti: “Chi apre si assumerà responsabilità dei morti”

Condividi!

“Non ci sono i numeri per riaprire. Questa è una decisione politica, chi fa questa scelta sulle riaperture dovrebbe mostrare i numeri. Chi apre si deve assumere la responsabilità dei decessi che si verificheranno. Se il governo non ha questi dati, glieli calcoleremo noi. Le misure in atto non sono sufficienti per abbassare la curva”. Il professor Andrea Crisanti si esprime così commentando le misure previste dal decreto riaperture.

“Il pass vaccinale aggiunge l’insulto alla beffa. In Italia ci sono persone che non potevano vaccinarsi e si sono vaccinate. Il pass vaccinale va introdotto quando tutti hanno avuto la possibilità di vaccinarsi”, dice a Piazzapulita.

La riapertura delle scuole, dice Crisanti, è pericolosa anche e soprattutto per quello che avviene fuori dalle classi: “Sui mezzi pubblici bisognerebbe limitare gli accessi, servirebbe la figura del controllore o del bigliettaio che anni fa bloccava gli accessi. Oppure, si decide che sui bus si sale solo con mascherina Ffp2. Fare tamponi a campione a scuola è sicuramente opportuno. Bisogna capire quali sono le situazioni più rischiose e testare”.

Crisanti stronca anche il pass vaccinale: “Aggiunge l’insulto alla beffa. In Italia ci sono persone che non potevano vaccinarsi e si sono vaccinate. Il pass vaccinale va introdotto quando tutti hanno avuto la possibilità di vaccinarsi”. Giudizio negativo anche sulla strategia che prevede l’uso di tamponi antigenici. “Stiamo sprecando una montagna di soldi con i tamponi antigenici, che sono meno efficaci. I positivi sono decisamente più numerosi rispetto ai numeri ufficiali. Nella seconda ondata si faceva affidamento sui tamponi molecolari, ora si fa affidamento sugli antigenici che offrono risultati meno attendibili. In giro ci sono molti falsi negativi”.




12 pensieri su “Crisanti: “Chi apre si assumerà responsabilità dei morti””

  1. questo Cristanti, prima diceva che lui non avrebbe fatto il vaccino
    poi si e’ fatto fotografare mentre faceva il vaccino
    (cioe soluzione salina)

    fara la stessa cosa
    con il lasciapassare vaccinale SS

    le rane vanno bollite alzando il calore gradualmente
    altrimenti saltano dalla pentola

    State attenti ad i leghisti
    sono piu viscidi delle serpi

  2. Il ritorno di baffetto
    Ci siamo quasi.

    SPERIMENTANO IL VACCINO SUI BAMBINI CON HANDICAP SENZA CONSENSO INFORMATO –
    In Italia l’ospedale Buzzi di Milano ha iniziato a febbraio scorso la sperimentazione del vaccino anti covid sui bambini e ragazzi under 18, categoria fino a quel momento esclusa dalla vaccinazione.

    Tale sperimentazione sarebbe in atto sui bambini con disabilità, senza la presentazione da parte della struttura ospedaliera, di un consenso informato.

      1. ragazzi esiste anche google
        basta mettere ad esempio
        la query
        “In Italia l’ospedale Buzzi di Milano ”
        ed escono una marea di siti che ne parlano
        come ad esempio questo

        citymilano.com/2021/04/22/sperimentano-il-vaccino-sui-bambini-con-handicap-senza-consenso-informato-tiziana-alterio-eugenio-serravalle/

        1. Sono perplesso. Ho seguito il collegamento che ci hai indicato e son risalito a tal Tiziana Alterio, che nell’articolo non dice gran che, limitandosi a un’affermazione generica subito troncata (che è poi quella che ci hai segnalato). Procedo col suo sito, e trovo un profilo che mi pare descrivere una personalità piuttosto contraddittoria – ha lavorato tra l’altro per Rai 3 e per Mediaset per poi assumere posizioni che a me sembrano “terzomondiste” (con tutti i limiti che riconosco a questa sciocca definizione) e infine cavalcare una linea avversa ai vaccini. Mah… se la coerenza è una strada per la credibilità, fatico a prenderla sul serio.

  3. Sono perplesso. Ho seguito il collegamento che ci hai indicato e son risalito a tal Tiziana Alterio, che nell’articolo non dice gran che, limitandosi a un’affermazione generica subito troncata (che è poi quella che ci hai segnalato). Procedo col suo sito, e trovo un profilo che mi pare descrivere una personalità piuttosto contraddittoria – ha lavorato tra l’altro per Rai 3 e per Mediaset per poi assumere posizioni che a me sembrano “terzomondiste” (con tutti i limiti che riconosco a questa sciocca definizione) e infine cavalcare una linea avversa ai vaccini. Mah… se la coerenza è una strada per la credibilità, fatico a prenderla sul serio.

    1. Caronte é il direttore di Rete Ciampolillo🤣🤣🤣🤣🤣
      Nota x le sue notizie “fumanti”🤣🤣🤣🤣
      Nel suo tg esordisce sempre con “Buona lega!”.🤣🤣🤣🤣🤣

Lascia un commento