L’uomo di Letta indagato in Toscana: “soldi dalla ‘ndrangheta per avvelenare i cittadini con 8mila tonnellate di fanghi tossici”

Condividi!

Ottomila tonnellate di rifiuti tossici sotto una strada, gli uffici della regione asserviti alla ‘ndrangheta. Il consigliere regionale referente di Letta che presentava emendamenti in cambio di finanziamenti. Queste le accuse. Se provate il Pd andrebbe messo fuorilegge. E ci sarebbe da chiedersi se altri stiano prendendo finanziamenti da altre mafie per favorire altre cose, tipo gli sbarchi.

VERIFICA LA NOTIZIA

Come non saprete, perché i media praticamente non ne parlano, in Toscana è scoppiato lo scandalo Pd-‘Ndrangheta. Secondo gli inquirenti, diversi esponenti del partito che in Toscana e in Emilia è Stato, prendevano soldi dalla ‘ndrangheta lasciandole seppellire sotto una strada in costruzione migliaia di tonnellate di veleni. Sarebbe un disastro ecologico inimmaginabile: ecco i gretini, che dell’ambiente se ne fregano.

Parliamo di 8000 tonnellate di fanghi tossici conciari al cromo-6, sotterrati sotto la strada regionale 429 (Empoli-Poggibonsi) in piena zona agricola:

AFFARI ‘NDRANGHETA – POLITICI PD: HANNO SEPOLTO 8.000 TONNELLATE DI VELENO SOTTO LA TOSCANA, INDAGATO CAPO GABINETTO GIANI

Snodo delle relazioni tra “l’associazione a delinquere” composta da alcuni conciatori di Santa Croce sull’Arno, la politica toscana e imprenditori considerati vicini alle cosche calabresi è il capo di gabinetto del governatore, Ledo Gori. Ma nelle indagini della Dda fiorentina sono finiti anche l’ex presidente della Provincia di Pisa e attuale Consigliere regionale Pd, Andrea Pieroni, e la sindaca del Comune in riva d’Arno, Giulia Deidda.

A proposito del consigliere Andrea Pieroni. Non è un consigliere qualunque, è il referente locale del segretario del Pd Letta:

“…da sempre amico personale di Letta e referente dell’attuale segretario del Pd sull’area pisana e sulla Toscana”.

Quindi, ripetiamo: secondo gli inquirenti il rappresentante in Toscana di Letta collaborava attraverso le imprese controllate dalla stessa con la ‘ndrangheta per avvelenare i cittadini, in cambio di soldi per presentare emendamenti che favorissero le imprese della ‘ndrangheta. Al consigliere regionale viene contestata la corruzione: prendeva soldi, e in cambio, sempre secondo l’accusa, permetteva che la ‘ndrangheta avvelenasse i cittadini.




2 pensieri su “L’uomo di Letta indagato in Toscana: “soldi dalla ‘ndrangheta per avvelenare i cittadini con 8mila tonnellate di fanghi tossici””

  1. Il cromo -6 o cromo esavalente è la sostanza più cancerogena e mutante del DNA mai inventata.E’ impiegato come catalizzatore negli impianti petrolchimici in certe lavorazioni.In italia veniva prodotto dalla Stoppani di Cogoleto-Ge oltre all’acido cromico..Molti operai rimasero vittime di queste produzioni.Il ponte dell’autostrada A 10 che sovrastava la fabbrica era manutenzionato più volte causa corrosioni dei fumi acidi che provenivano dai camini sottostanti.In particolare il guard rail che appariva fortemente corroso e che doveva essere sostituito circa ogni due anni.I boschi sulle colline attorno alla fabbrica erano tutti bruciati dai gas,Gli operai in gran parte avevano la cartilagine del naso tra li due narici bucate dal cromo.Le ferite nei piedi quando venivano a contatto con le polveri si infettavano e non si rimarginavano mai più.Il mare antistante il sito industriale era inquinato a livelli estremi.Adesso la Stoppani è stata chiusa anni fa,ha delocalizzato in Thailandia,la discarica ed il terreno sono stati bonificati.per info ulteriori:dgt stoppani.

Lascia un commento