Pd abolisce maschile e femminile: arriva il neutro con la schwa (“ǝ”) per non turbare i gay

Condividi!

Stufi degli asterischi, quelli de Pd inventano per la lingua italiana un simbolo grafico estraneo: lo schwa, “e” rovesciata che corrisponde a un suono presente nella lingua inglese.

VERIFICA LA NOTIZIA

Avviene nel Comune di Castelfranco Emilia, in provincia di Modena, in ossequio al politicamente corretto e al pensiero genderless. L’amministrazione guidata dal sindaco Pd Giovanni Gargano ha annunciato sulla pagina Facebook: «abbiamo deciso di adottare un linguaggio più inclusivo: al maschile universale (“tutti”) sostituiremo la schwa (“tuttə”), una desinenza neutra». Incommentabile.

Così nelle comunicazioni del Comune, come ricordato dallo stesso post, i cittadini «da diverse settimane» hanno «visto comparire il simbolo presente nella card, la schwa, ǝ, a chiusura di alcuni termini usati». Esempi in questo senso si trovano sulla stessa pagina del Comune, dove il 5 aprile, per esempio, è stato pubblicato un annuncio sul fatto che «a partire da mercoledì 7 aprile moltǝ nostrǝ bambinǝ e ragazzǝ potranno tornare in classe!»

Dunque, «abbiamo deciso di adottare un linguaggio più inclusivo: al maschile universale (“tutti”) sostituiremo la schwa (“tuttə”), una desinenza neutra. Questo non significa stravolgere la nostra lingua o le nostre abitudini. Significa – è l’idea della giunta Pd del comune emiliano – fare un esercizio di cura e attenzione verso tutte le persone. In modo che si sentano ugualmente rappresentate. È un passo importante – è la conclusione trionfale del post – verso uno dei nostri obiettivi: una società e una comunità inclusiva, equa e coesa!». E ora, ha chiarito l’assessore alla Comunicazione del Comune, il laureando in Scienze della Comunicazione, Leonardo Pastore, che sarebbe l’ideatore della novità, «in Comune ci stiamo allenando a pronunciarlo».

«Ma vi rendete conto?», ha scritto su Facebook il deputato di FdI, Galeazzo Bignami, rilanciando il post di Castelfranco Emilia sulla sua pagina. Significativo che Bignami si sia limitato a sintetizzare la notizia, senza aggiungere ulteriori annotazioni o chiose. Come a dire: la notizia si commenta da sé.




10 pensieri su “Pd abolisce maschile e femminile: arriva il neutro con la schwa (“ǝ”) per non turbare i gay”

  1. Al consigliere di Castelfranco Emilia, comune confinante al mio:
    adottare in consiglio comunale il linguaggio dei Java del pianeta Tattooine, così magari arriva qualcuno con una spada laser a togliervi di mezzo definitivamente.
    Questi sono veramente deficienti e scollegati dalla realtà dei problemi, quelli veri.
    🐒🦧🦍

  2. Invece di rovesciare la e bisogna infilarvi un braccio in gola e rovesciare i coglioni come voi!!!!
    Uno che fa un’uscita simile lo sfondi a testate!
    Fate degli atti ufficiali con questa cagata e vediamo se sono validi!!!

    1. Il problema è che, lanciata questa stronzata, anche se la annulla il prossimo esecutivo ci sarà qualche stronzo/a dei loro che tenterà di riprenderla, facendoci una “battaglia” non avendo altro per dare addosso ai “fasssisti”.

  3. Ben ritrovati amici voxani!
    Questi si fanno sempre più spavaldi e a dimostrazione della loro potenza rivoluzionano anche l’alfabero italiano incuranti del nostro volere.
    Durante il mio periodo di allontanamento ho cercato con caparbia volontà di mutare alcune cose che percepivo nella mia vita come minuscoli sassolini all’interno della propria calzatura durante una passeggiata. Lì per lì sopporti pensando che levarti la scarpa in una strada gremita sarebbe assai disdicevole, violerebbe le regole del bon ton, ti esporrebbe allo sguardo curioso dei passanti e, non ultimo, la pudicizia di mostrare una parte intima del corpo. Vecchi retaggi di culture obsolete? Chissà…certo che in passato pur essendo grandi bacchettoni al momento di ribellarsi per delle ingiustizie subite non eravamo secondi a nessuno. Ora pare si siano capovolte le abitudini, i giovani sono così sciolti nelle faccende private ma di fronte alla conclamata dittatura diventano timidi come scolaretti.
    Stamattina mi chiedevo quale fosse la causa di codesta ingessatura, il fatto preoccupante che qualsiasi cosa accada rimangano impassibili come se la questione non li riguardasse. La risposta è che i videogiochi introdotti massicciamente alla fine degli anni 80 avessero lo scopo (come la tv del resto) a preparare intere generazioni a non reagire fisicamente come avveniva in passato ma a percepire gli eventi come simulati, in modo che quando le cose fossero precipitate avrebbero continuato a digitare perché l’unico modo che conoscevano/conoscono di combattere era/è quello on line. Tra le altre cose ricordo che chi ha ideato e divulgato il mondo parallelo è la stessa entità che oggi vuole oscurare il sole e dal momento che il pazzo criminale possiede il denaro sufficiente per attuare i suoi piani non chiederà l’approvazione di nessuno e nessuno fiaterà. Con questa recente rivelazione da parte del famigerato bill, tutto  prende un senso compiuto e le collisioni con gli asteroidi non sono più necessarie per chiudere il cerchio.

    1. Sono spavaldi perchè sanno d’avere UE e giudei globalari che li difendono, ma dall’altro lato hanno la merda nel culo perchè sanno d’esser rimasti in pochi, di stare sulla minchia a mezzo mondo e d’avere il tempo contato: quindi spingono sull’acceleratore con queste stronzate, per procurarsi qualche consenso e gridare al “fassista” quando qualcuno, provocato da queste stronzate, si ergerà a criticarli.

  4. Branco di zavagli, cioè di persone inutili. La è rovesciata non c’è l’ho sulla tastiera e non appare nemmeno se giro il computer od il telefono. Che peccato!! 😏 Castelfranco Emilia, confina anche con il mio di comune…..

Lascia un commento