Studio: piscine non dovevano chiudere, cloro uccide il coronavirus

Condividi!

Studio, cloro nelle piscine inattiva virus in 30 secondi

VERIFICA LA NOTIZIA

L’acqua clorata delle piscine inattiva il nuovo coronavirus in soli 30 secondi. Questo e’ quanto emerge da uno studio, non ancora sottoposto a revisione, condotto dagli scienziati dell’Imperial College di Londra, che hanno studiato l’impatto delle diverse concentrazioni di cloro diluito in acqua su SARS-CoV-2. In Inghilterra le piscine riapriranno questa settimana e il team sostiene che il rischio di trasmissione di Covid-19 attraverso l’acqua clorata e’ estremamente basso.

“Abbiamo eseguito questi esperimenti nei nostri laboratori ad alto contenimento a Londra – afferma Wendy Barclay, dell’Imperial College di Londra – in questo modo siamo stati in grado di misurare l’infettivita’ del virus e la sua capacita’ di attaccare le cellule”.

Quindi, piscine chiuse per nulla. Ogni settore deve essere valutato a sé. Una cosa è un locale chiuso con la gente che si respira addosso, altra cosa una piscina. Differente anche dalla palestra. Invece si è voluto chiudere in blocco da un anno.




3 pensieri su “Studio: piscine non dovevano chiudere, cloro uccide il coronavirus”

  1. anche l’idrossi -cloro-china
    e questo si conosce sin da aprile 2020

    e ci sono addirittura medici leghisti
    quali il dottor Riccardo Szumski, sindaco di Santa Lucia di Piave
    che denunciano di avere morti zero tra i loro pazienti
    e che hanno salvato pure le nonnete di 92 anni.

    il problema sono la maggioranza di leghisti che insieme a Zaia e Crisanti
    cercano di cacciarlo via dall’albo dei medici

  2. Anche le palestre sono state fatte chiudere per evitare che il corpo, allenandosi, si fortifichi, oltre a sviluppare testosterone…
    Questi BASTARDI GIUDEI ci vorrebbero tutti froSci, timorosi e malati.

Lascia un commento