Un muro di blindati davanti al Parlamento: allora i muri servono, vero politici?

Condividi!

Più ponti e meno muri, dicono. Ma solo per gli altri.




6 pensieri su “Un muro di blindati davanti al Parlamento: allora i muri servono, vero politici?”

  1. I loro mezzi, le loro attrezzature, i loro stipendi e quelli delle merde che li comandano…tutto pagato da noi!
    Il quadro é limpido, gli schieramenti ufficializzati, non c’è stato ma banditi e mercenari contro il popolo sovrano.

  2. Il silenzio assordante dei Salvini e delle Meloni in queste ore fa riflettere, chissà come è quanto si stanno arrovellando sulle prossime dichiarazioni, avendo dato la loro parola al sor Mattarella che non avrebbero soffiato sul fuoco 😜 Erano convinti che il fronte chiusurista mondiale aveva già vinto e si sono buttati sul carro del vincitore, ma pare che qualcosa è andata storto nel mondo, si sente aria di Norimberga per certi politici asserviti al gran reset.

      1. Non abbastanza: io sento di continuo i ristoratori che dicono che vogliono riaprire “in sicurezza”. Che caxxo significa “in sicurezza”? Con 3 tavoli per ristorante? Chiedendo il tampone all’ingresso? Rompendo i coglioni a chi si alza dal tavolo senza mascherina? Questi ancora non hanno capito un caxxo come il resto della massa di pecoroni. Non sanno neanche loro quello che vogliono.

        1. Diciamo che sono stati costretti, a causa della disperazione, a non sapere quello che vogliono. Pur avendo speso miliardi in inutile roba di “sicurezza”, li tengono comunque chiusi e senza risarcirli: avoglia a impazzire.

Lascia un commento