Gli sbarchi portano Palermo in zona rossa: “E’ inaccettabile”

Condividi!

Il presidente dell’Assemblea regionale siciliana, Gianfranco Miccichè, definisce la nuova zona rossa della provincia di Palermo mortale per l’economia e inaccettabile perché i dati sono comprensivi degli immigrati di Lampedusa e di quelli sulle navi. Ti piacevano gli immigrati, goditeli. Purtroppo devono ‘goderseli’ anche i cittadini.

VERIFICA LA NOTIZIA

“La nuova zona rossa per la provincia di Palermo è mortale per il tessuto economico già debole di suo. I commercianti e gli esercenti sono al limite dell’esasperazione”. Questo il commento di Gianfranco Miccichè in riferimento all‘ordinanza che dispone la zona rossa in tutti i Comuni della Città metropolitana di Palermo a partire da domenica 11 e fino a giovedì 22 aprile.

“In questa situazione – aggiunge Il presidente dell’Assemblea regionale – non è accettabile che il commissario per l’emergenza Covid, Renato Costa, dica che la zona rossa è stata suggerita al presidente Musumeci ‘nonostante non ci fossero i numeri per sostenerla’, aggiungendo che questi numeri comprendono anche i dati degli immigrati di Lampedusa e di quelli sulle navi”.

Infine il presidente dell’Ars conclude: “Adesso, poi, è arrivato il colpo di grazia con la chiusura di tutta la provincia. Voglio conoscere i numeri e sapere chi decide. E per questo ho chiesto alla presidente della commissione Sanità dell’Assemblea, Margherita La Rocca Ruvolo, l’immediata convocazione dei responsabili dell’assessorato. Vorrò essere io stesso presente per valutare le scelte che sono state adottate”.




Un pensiero su “Gli sbarchi portano Palermo in zona rossa: “E’ inaccettabile””

Lascia un commento