Branco immigrati massacra di botte gay al grido “Maricon”, invece di espulsioni chiedono ‘Legge Zan’

Condividi!

Ancora immigrati violenti a Torino, dove un 23enne è stato aggredito da un gruppo di immigrati.

La vittima, Henry Gomez Simón Andre, è uno studente cileno che vive nel capoluogo piemontese dall’ottobre 2019: si stava recando a un mini market per acquistare delle bevande quando è stato insultato da cinque ragazzi che lo hanno poi picchiato.

VERIFICA LA NOTIZIA

Gli aggressori hanno urlato al ragazzo maricon (ricchione in spagnolo) e lo hanno preso a calci e pugni, fino all’intervento di qualcuno che è riuscito a metterli in fuga. Il giovane tornando a casa ha fatto un video per denunciare l’accaduto, mentre stava ancora sanguinando.

La Appendino: “Ignobile chi commette simili violenze”. Poi ribadisce l’urgenza dell’approvazione del provvedimento sull’omotransfobia. Arcigay: “Venga ripresa il prima possibile la discussione in Senato”.
L’assessore ai Diritti del Comune di Torino, Marco Giusta, ha commentato: “A Torino un nuovo caso di omofobia. A questo ragazzo il Parlamento deve immediatamente una riposta, così come a tutte le persone che vivono quotidianamente l’omolesbobitransfobia sulla loro pelle. Non possiamo più aspettare, non è più tempo di rinvio. Purtroppo – ha spiegato l’assessore Giusta – anche la nostra città, nonostante sia una delle più attente al tema dei diritti e della valorizzazione delle differenze, non è immune all’omofobia. Vedere il viso di questo giovane pieno di sangue e le sue lacrime fanno stringere il cuore. A lui tutta la mia solidarietà e vicinanza, a livello personale e a nome della Città”.

Ma certo, degli immigrati pestano un cileno nella tua città, la prima cosa da approvare è una legge che metta al bando chi si oppone alle adozioni gay, mica una che metta al bando gli immigrati. Mica si dimette l’assessore per la cloaca di quartieri in cui lui e la sua sindaco hanno ridotto Torino.

Ps. Il giornale che ha dato la notizia non parla di ‘immigrati’. Ma si tradisce col termine utilizzato per offendere il ragazzo.




8 pensieri su “Branco immigrati massacra di botte gay al grido “Maricon”, invece di espulsioni chiedono ‘Legge Zan’”

  1. Assolutamente!, anche i negri hanno la loro grande utilità sociale, possono menare ai froci di merda senza ripercussioni, a loro non si potra’ dire di essere razzisti visto che e’ un aggettivo delle razze superiori e non inferiori, ed in effetti anche i froci sono loro inferiori, altra grande utilita’ sopprimono i figli non abortiti dei coglioni di sinistra, spacciando loro le merde piu’ incredibili

  2. E’ quasi inutile dirlo, ma la TV e le testate giornalistiche di regime ovviamente non diffonderanno mai una notizia del genere.
    Piuttosto cerceranno di screditare con tutte le loro forze gli uomini bianchi a favore dei loro amici neGri e musulmani, definendoli ed esaltandoli come modelli di integrazione da seguire. Se si continua cosi’ l’Europa diventerà nel giro di poco tempo una gigantesca fogna piena di criminali afro-islamici, che peraltro si riproducono ad un ritmo insostenibile.

Lascia un commento