Immigrati sobillati dalla sinistra bloccano il centro: “Dovete trovarci lavoro”

Condividi!
VERIFICA LA NOTIZIA

Gli immigrati scrocconi ospitati al Cas di via Mattei, a Bologna, da questa mattina stanno bloccando il centro e vogliono far entrare i giornalisti per verificare le condizioni del centro, ma finora è stato impedito.

Sono sobillati dagli estremisti di sinistra del Centro Coordinamento Migranti Bologna. Una delle tante associazioni eversive del panorama della ‘sinistra’ italiana.

La scorsa settimana, i migranti in una lettera pubblica avevano già denunciato: “In più di duecento viviamo ammassati nello stesso campo. Alcuni di noi sono in Italia da pochi mesi, altri vivono nel CAS da anni – e poi – siamo sfruttati da agenzie e cooperative nei magazzini della logistica, come quelli dell’Interporto, oppure lavoriamo come rider. Altri di noi non hanno lavoro”.

Eccoli. Questi vengono mantenuti da anni a spese vostre e, intanto, lavorano a basso costo per le multinazionali. E si lamentano anche. Perché non vengono rimpatriati?

Nella lettera i clandestini lamentavano l’assenza dei ulteriori visite mediche per il rischio di contagio nelle “camerate da 12 persone. Non sappiamo chi di noi è positivo al Covid-19”. Dovevate stare a casa vostra. Ma questo spiega anche come si diffonde il contagio nelle città italiane: questi si infettano tra loro e poi lo diffondono lavorando per cooperative vicine al noto partito che li ha traghettati.

Guardate. Palazzine nuove, hanno anche la parabola per il calcio:

Tutti africani che manteniamo con i soldi delle nostre tasse mentre rubano il lavoro ai disoccupati italiani.




Un pensiero su “Immigrati sobillati dalla sinistra bloccano il centro: “Dovete trovarci lavoro””

Lascia un commento