Africani assaltano auto polizia per liberare colleghi rapinatori – VIDEO

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Altri particolari su questa notizia:

AFRICANI ASSALTANO AUTO POLIZIA PER IMPEDIRE ARRESTO SPACCIATORE – VIDEO CHOC

Erano in due, un uomo e una donna, africani, intenti a compiere una rapina a Piazza Garibaldi a Napoli. Una pattuglia della Municipale li ha notati durante un giro del presidio di sorveglianza della zona, che arriva fin dentro il quartiere Vasto, e ha provato ad arrestarli. Ma altri africani, ‘amici’ dei due rapinatori, sono intervenuti assaltando l’auto e tentando di liberare i colleghi.

Nella zona va avanti da anni il contrasto tra immigrati accolti negli hotel del quartiere con i residenti storici dell’area. Un contesto nel quale né la politica locale né quella nazionale sono mai intervenute attivamente, lasciando che il sovraffollamento di quelle strade favorisse l’illegalità e rendesse impossibili i controlli. Comandano gli africani, clandestini e scrocconi.

Meno di tre settimane fa due poliziotte, mentre stavano svolgendo il proprio turno di lavoro nella zona di piazza Garibaldi, sono state aggredite per la semplice richiesta di indossare la mascherina prevista per il contenimento Covid-19.

“Cittadini esasperati, impauriti, prigionieri di illegalità e invivibilità, una presenza di immigrazione extracomunitaria al di fuori di qualsiasi forma di regole e di accoglienza. L’illegalità va combattuta senza differenze di colori della pelle. Altrimenti prevarrà il senso di abbandono e con esso l’idea che la tolleranza e l’inclusione, siano disvalori”, è il contenuto della lettera inviata dalle segreterie di Fp, Cisl, Uil Fpl e Csa, che hanno indirizzato una lettera al prefetto di Napoli e al sindaco de Magistris.




Un pensiero su “Africani assaltano auto polizia per liberare colleghi rapinatori – VIDEO”

  1. io non capisco
    ma se questi africani, non hanno nessuna paura della polizia
    che fine faranno i leghisti vaccinati e mezzi moribondi, quando questi avranno la pretesa di insediarsi nelle loro case?

Lascia un commento