Struprava in Italia grazie a Lamorgese: doveva essere espulso invece violentava ragazze italiane

Condividi!

VERIFICA LA NOTIZIA
Sulla violenza sessuale di Milano:

Si slaccia i jeans e salta addosso a ragazza appena scesa dal bus: “Ora ti violento”

E’ emerso che il 22enne stupratore egiziano con diversi alias, irregolare in Italia con un precedente per atti osceni in luogo pubblico era destinatario di un ordine di espulsione dall’Italia del novembre 2020. Un ordine…

Raccolti tutti gli indizi, il 22enne – difeso d’ufficio dall’avvocato Francesco Ruffo del foro di Monza – è stato subito portato in carcere nel capoluogo brianzolo su ordine del pm Rosario Ferracane, che ha anche contestato l’aggravante di aver commesso il fatto “in orario notturno, nonché in assenza di passanti a causa delle restrizioni della circolazione connesse all’emergenza sanitaria in atto”. Secondo quanto verificato, Martedì mattina il Gip del tribunale monzese, dopo l’udienza di convalida, ha convalidato l’arresto e ha confermato la misura cautelare della custodia in carcere.

La sua vittima, invece, porterà addosso per qualche giorno i segni della violenza fisica. Visitata in ospedale dopo l’aggressione, i medici le hanno diagnosticato una prognosi di 14 giorni per “trauma distorsivo contusivo rachide cervicale”.

Quella morale, invece, l’avrà dentro di sé per sempre.

Ci chiediamo: non sarebbe il caso di processare per stupro anche Lamorgese, visto che è a causa delle sue mancanze che lo stupratore era ancora in giro a stuprare?




Lascia un commento