Muore un altro 46enne dopo AstraZeneca: trombosi

Condividi!

Aggiornamento:

Invita a vaccinarsi: in fin di vita dopo AstraZeneca

Mario Turrisi, 46 anni, morto clinicamente in seguito ad una trombosi. Il personale medico ha segnalato il caso all’Aifa: all’uomo era stato somministrato il vaccino AstraZeneca

VERIFICA LA NOTIZIA

E’ deceduto questa mattina al Policlinico di Messina, stroncato da un’emorragia cerebrale l’avvocato Mario Turrisi. Si era sottoposto al vaccino AstraZeneca.

Sulla morte di Turrisi, nativo di Castel di Tusa, ha aperto un’inchiesta la Procura di Patti. Nei prossimi giorni sarà eseguito l’esame medico-legale come disposto dal magistrato che si sta occupando del caso.

Gli investigatori vogliono vederci chiaro e stabilire se l’emorragia cerebrale che ha ucciso il professionista possa essere collegata alla vaccinazione cui si è sottoposto meno di un mese fa.

Mario Turrisi – secondo quanto trapelato – pare soffrisse di ipertensione ma non aveva altre patologia invalidanti e si era sottoposto al vaccino all’ospedale di Mistretta.

Salgono quindi a due le morti di messinesi, i cui decessi potrebbero essere collegati – ma lo stabilirà la magistratura – al vaccino AstraZeneca. La scorsa settimana, come si ricorderà, dopo alcuni giorni di agonia, è deceduta la docente Augusta Turiaco.




3 pensieri su “Muore un altro 46enne dopo AstraZeneca: trombosi”

  1. Una preghiera per VOX, potresti fare una ricerca?, ma l anno scorso, e nn dico parolacce, puoi dirci quanti giovani sono morti di trombosi cerebrale? Io ne ho contati 4 in tutta italia, vorrei volentieri mandare una mail pec all disabile mentale di speranza e suoi servi della gleba che ripetono come pappagali dementi che az non fa male, … la mando davvero, a nome mio a tutte le procure d italia se necessario!…. grazie

  2. Bisognerebbe anche capire per quale ragione la maggior parte delle trombosi che sderenano gli italici cerebri avvengono in sicilia: al nord si censura di piu’? Perché muoiono meno vaccinati al nord rispetto alla mattanza del sud, anche a prescindere dalla responsabilità di Astrazeneca? Al nord ci sono più conformismo ed autocensura?

Lascia un commento