Giornalisti intercettati con le Ong, magistrato: “Capire se facilitavano traffico clandestini”

Vox
Condividi!
Vox

Cercano di sminuire l’enormità della collaborazione con le Ong.




3 pensieri su “Giornalisti intercettati con le Ong, magistrato: “Capire se facilitavano traffico clandestini””

  1. Poco fa al TG5 hanno parlato del drammatico esilio degli italiani dalla Libia durante la presa di potere di Gheddafi. Due intere generazioni di Nati Libici sradicati e costretti, nell’indifferenza generale, ad abbandonare le proprie case, il proprio lavoro, la propria terra. O almeno così essi la consideravano.
    Oggi sradicare dall’Europa 50 milioni di ‘afridiscendenti’, come li chiamerebbe Kyenge, porterebbe ad una guerra mondiale totale con tanto di sgancio di atomiche.
    Riflettete attentamente sul fatto che i popoli neri (e gialli, in parte), prima si sono liberati dal dominio coloniale, e poi sono decisamente passati all’attacco puntando alle terre degli antichi conquistatori. Distruggere il nemico, una volta per tutte, non ci sarà una seconda patria se le nazioni madri dei Bianchi cadono, e divengono meticce.
    Ma non ci sarà pace nemmeno per i neri, perché le nazioni mulatte che ne emergeranno, per quanto un obbrobrio agli occhi di Dio e degli Uomini, un’offesa e insulto all’umanità e alla nostra storia, un genocidio effettuato col sesso per i buonisti e chi si ‘adegua’ e infine con la violenza per chi non si sarà adattato, saranno molto meno prone alla pazienza e alla tolleranza, e le nazioni madri dei neri saranno sempre loro soggette, e con meno misura di quando a dominare erano i Bianchi.

    1. Io non so se i mulatti odieranno più i negri o i bianchi.
      Però noto che più che integrati,quasi tutti sembrano vivere in un mondo a parte.

I commenti sono chiusi.